Ornamenti da testa e pettini a Villa Malpensata fino al 25 novembre
Arte, Cultura e spettacoli, Svizzera, Territorio, Turismo

Ornamenti da testa e pettini a Villa Malpensata fino al 25 novembre

Gioie d’arte fra i capelli, in scena  a Lugano la collezione Antonini. Un pettine non è un semplice ornamento ma parla, come ogni oggetto prodotto dall’uomo è punta di un vasto giacimento di senso. Accade al Musec, il Museo delle Culture di Lugano riaperto da maggio a Villa Malpensata e diretto da un comasco, Francesco Paolo Campione,  docente di Antropologia culturale dell’Università dell’Insubria. L’indirizzo è Riva Antonio Caccia 5. Da non mancare, la mostra Gioie fra i capelli. La collezione Antonini a cura di Alessia Borellini. È  aperta fino al 25 novembre nel  rinnovato «Spazio Cielo» di Villa Malpensata. È un viaggio  nel tempo  alla scoperta dei pettini ornamentali chiamati qui a mettersi in scena quali portavoci di culture, tesori d’arte, “microsculture” arricchite delle più varie decorazioni. In scena  settecento pettini fra i 1.182 donati alla struttura dai coniugi Gabriella e Giorgio Antonini nel 2016. La raccolta è stata costruita in quarant’anni con pezzi da tutto il mondo  realizzati tra il XVI secolo e il terzo quarto del XX secolo. La parte più ingente  comprende capolavori di fattura e gusto europei tra la metà del XIX secolo e gli anni ’50 del Novecento. In dettaglio,   350 pettini di tartaruga, 300 di materie plastiche, 100 di corno, 50 di avorio e 150 di metallo. Completano la raccolta oltre 200 ornamenti provenienti perlopiù da Cina, Giappone, Indonesia e Oceania. Nello specifico sono in collezione: 677 pettini europei; 252 americani; 233 provenienti dall’Asia; 16 di origine africana; 4 provenienti dall’Oceania. Un gran numero di pettini, specie etnici, è stato raccolto direttamente sul campo dai collezionisti  dalla fine degli anni ’60. Altri sono stati acquistati sulle bancarelle di mezza Europa, o presso aste e  antiquari.

Come scrive Campione presentando la mostra, “insieme alla capigliatura il pettine svetta, si muove, assecondando le sinuosità del corpo; muta i suoi colori e le sue prospettive nell’incedere del giorno e della notte; agisce declinato nell’associazione visiva a un’occhiata, a uno sguardo, a un sorriso. Il pettine, in definitiva non vive di una vita propria ma di un’interazione con il corpo di cui è appendice, ornamento e oggetto di distinzione, generando un peculiare sistema espressivo e un’affascinante forma d’arte del corpo, antica come il mondo”.

La mostra, divisa in quattro sezioni, è aperta tutti i giorni dalle 14 alle 18. Martedì chiuso. Ingresso 5 granchi, gratis fino ai 16 anni.

Nella foto, pettine italiano con decorazioni in micromosaico. Prima metà del XIX secolo.

12 Ott 2018

Info Autore

Lorenzo

Lorenzo Morandotti lmorandotti@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto