Orsenigo: “Ambulanze deviate da Menaggio a Gravedona”

L'ospedale di Menaggio

Ambulanze dirette al pronto soccorso dell’ospedale Erba Renaldi di Menaggio deviate da Areu di default 18 chilometri più a Nord sul Lago di Como, ovvero all’ospedale Moriggia Pelascini di Gravedona ed Uniti. La denuncia è stata raccolta oggi dal consigliere regionale del Pd, Angelo Orsenigo.
«Comprendo le difficoltà annunciate e gli sforzi dell’Asst Lariana per la carenza di personale, ma a questa situazione va trovata una soluzione al più presto – dice Angelo Orsenigo – Il pronto socorso di Menaggio non ha valore soltanto per l’Altolago, ma copre un territorio vasto, da Tremezzina al Porlezzese, alla Valle Intelvi. Si tratta di un servizio medico essenziale tutto l’anno e ancora di più in questi mesi di grande afflusso di turisti, quando la popolazione di tutto il Lago di Como aumenta considerevolmente. La Regione non può rimanere passiva difronte a questa carenza» conclude il consigliere Orsenigo.
Nel tardo pomeriggio è arrivata una nota da parte del direttore generale dell’Ass Lariana, Fabio Banfi, sulla questione.
«Come ribadito in più occasioni – ha detto Banfi – stiamo lavorando per garantire all’ospedale di Menaggio la presenza di una guardia anestesiologica-rianimatoria sulle 24 ore». Il nuovo servizio dovrebbe partire, secondo l’Asst Lariana già dai primi di settembre.
«Tale organizzazione impatterà positivamente sulla gestione del Pronto Soccorso contestualmente al consolidamento dell’ambito internistico e chirurgico – aggiunge Banfi – Le priorità e le prerogative del Pronto Soccorso sono state definite in accordo con Areu, l’agenzia regionale emergenza urgenza. Occorre poi sottolineare che è stata stipulata apposita convenzione con l’ospedale di Gravedona» ammette il direttore.
Banfi ricorda infine come Menaggio graviti direttamente anche sull’ospedale Sant’Anna, identificato a livello regionale come Dea di II livello (dipartimento di emergenza-urgenza e accettazione).
Paolo Annoni

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.