Ozono alle stelle a Cantù, al terzo posto in Lombardia

Il caldo torrido non fa schizzare verso l’alto soltanto i termometri ma anche le concentrazioni di ozono nell’aria, pericolose per la salute.
L’allarme è scattato in diverse province della Lombardia, tra cui Como. La soglia di allerta è stata superata in particolare a Cantù, dove mercoledì la centralina dell’Arpa ha toccato quota 262 (terzo valore più alto della Lombardia), oltrepassando così il limite di 240 microgrammi di ozono per metro cubo d’aria, valore oltre il quale scattano i possibili rischi per la salute.
Le normative in materia prevedono un primo livello di attenzione quando le concentrazioni di questo gas, che accelera il naturale processo di invecchiamento delle funzioni polmonari, raggiungono quota 180 microgrammi e una seconda soglia, definita di allarme, a 240 µg.
Negli ultimi giorni la presenza dell’ozono nell’aria che respiriamo è cresciuta sia a Cantù, dove è salita dai 196 µg di lunedì ai 262 di mercoledì (ultimo dato disponibile), sia a Erba, dove è passata da 171 a 221 microgrammi. Soltanto nel capoluogo le concentrazioni sono lievemente calate, dai 188 µg di lunedì ai 173 dell’altroieri.
Valori che in ogni caso restano elevati. Come in altre zone della Lombardia. Secondo i dati dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente (Arpa), a Trezzo d’Adda (Milano) le concentrazioni sono arrivate a 270 microgrammi e a Meda, in provincia di Monza, hanno toccato quota 266. Il dato canturino, 262 µg, è il terzo più elevato in Lombardia.
L’ozono, va ricordato, è un potente ossidante che irrita fortemente gli occhi, le mucose e l’apparato respiratorio. Ripetute esposizioni a questo gas possono accelerare il naturale processo di invecchiamento della funzione polmonare.
Per ridurre i danni, il consiglio dei medici è duplice: da una parte limitare le attività all’aperto nelle ore più calde, tra le 10 e le 16; dall’altra seguire una dieta ricca di antiossidanti (per esempio le vitamine C ed E e il selenio), mangiando frutta e verdura di stagione e altri alimenti contenenti antiossidanti.

Articoli correlati