Pa:Deloitte, in Italia efficienza inferiore a media Paesi Ue

Analisi su rapporto con imprese

(ANSA) – MILANO, 19 APR – In Italia si riscontrano livelli di efficienza della Pubblica Amministrazione inferiori al livello medio dei Paesi dell’Unione Europea, con criticità molto accentuate al Sud. E’ quanto emerge da una analisi di Deloitte sulla semplificazione amministrativa e le iniziative per migliorare il rapporto tra Pa e imprese. Nelle regioni del Mezzogiorno, secondo quanto emerge dalla ricerca, il peso della burocrazia sottrae fino a 100 giorni all’anno al lavoro in azienda e le inefficienze generate dalla Pubblica amministrazione frenano l’avvio di nuove attività di impresa. Inoltre, gli imprenditori del Mezzogiorno fornitori di beni e servizi alla pubblica amministrazione devono rapportarsi con attese più lunghe per i pagamenti dalla Pa: in media aspettano 17 giorni in più rispetto al centro Nord. All’opposto, le regioni in cui la Pa funziona meglio sono Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, che hanno portato avanti iniziative di semplificazione. L’amministrazione pubblica italiana, secondo l’analisi di Deloitte, è poco efficiente perché troppo frammentata: la Pa conta in totale circa 10.500 istituzioni. La Pa annovera tra i propri collaboratori solo il 2,2% di giovani contro il 30% di quella tedesca e il circa 21% della francese: una caratteristica che comporta una fisiologica mancanza di profili con competenze aggiornate. Non esiste una vera mappatura delle competenze digitali del personale dell’apparato pubblico italiano. "Riformare la burocrazia è una priorità assoluta per l’Italia ed è anche una condizione imprescindibile perché le risorse del Next Generation Eu diano i frutti sperati nei prossimi anni", afferma Fabio Pompei, ceo di Deloitte Italia. (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.