Pala altare ritrovata tagliata

Operazione dei Carabinieri. Denunciato un uomo

(ANSA) – SANREMO, 02 FEB – Una pala d’altare raffigurante la Nascita della Madonna, appartenente al seminario vescovile di Sanremo e rubata nel 1994 al santuario della Madonna delle Ciliegie di Ormea (Cuneo), recuperata dai carabinieri del Nucleo patrimonio culturale di Torino, era stata tagliata per essere rimessa sul mercato e stava per lasciare l’Italia. E’ quanto è emerso a una conferenza stampa dei carabinieri, che hanno denunciato con l’ipotesi di riciclaggio un pregiudicato di 81 anni. La tela, del valore di diverse migliaia di euro, di autore ignoto, del ‘700 o ‘800, era originariamente di tre metri, ma era stata tagliata nella parte inferiore e superiore nel tentativo di venderla senza destare l’attenzione degli investigatori. Le sue tracce sono state ritrovate presso una galleria d’arte di Genova che l’aveva messa all’asta. L’ individuazione, nel 2017, attraverso una banca dati dei beni culturali in uso all’Arma, ha consentito di avviare un’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Genova, che ha portato al rintraccio del soggetto responsabile dell’alterazione della tela e al sequestro dell’opera. La tela era rimasta nascosta diversi anni in una cantina nel Genovese dalla quale è riemersa nel 2001, quando, dopo essere stata affidata ad un restauratore piemontese per essere rintelata e rinnovata, è stata alterata e immessa nuovamente nel mercato dell’arte. "Le indagini – ha affermato Silvio Mele, comandante del Nucleo patrimonio culturale di Torino – sono partite dal riconoscimento di questa opera in vendita presso un negozio di Genova. Individuazione favorita dalla disponibilità che l’Arma ha di un particolare e potente strumento di indagine investigativa che è la banca dati dei beni illecitamente sottratti. La tecnologia è in grado di riconoscere anche piccole parti de beni come appartenenti a opere diverse e più grandi". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.