Palazzina uffici, via al cantiere. Così l’ospedale Sant’Anna avrà una base per l’elicottero

altSanità sul Lario
I lavori, salvo intoppi, saranno completati in dieci mesi

La palazzina uffici, anello mancante dell’ospedale Sant’Anna, sarà pronta entro l’anno. Nelle scorse ore è stato avviato il cantiere. L’opera sorgerà accanto al pronto soccorso del presidio di San Fermo e avrà sul tetto una base per l’elicottero del 118.
«Era ora – sospira il direttore generale dell’azienda ospedaliera, Marco Onofri – Il progetto era pronto da tempo e i soldi c’erano, ma una serie di vicissitudini ha rimandato fino a oggi l’inizio dei lavori».
Nell’edificio

saranno realizzati gli uffici amministrativi e tecnici nei quali troveranno spazio i circa 200 dipendenti dell’azienda ospedaliera rimasti in via Napoleona, nel vecchio ospedale.
«In questo modo gli uffici si riuniranno all’ospedale, come auspicato da tempo – ha sottolineato Onofri – In via Napoleona si libereranno gli spazi destinati all’Asl e potrà così essere completato il progetto della cittadella sanitaria».
Terminato l’allestimento del cantiere, che richiederà alcuni giorni, i lavori entreranno nel vivo partendo dal livello -2 dell’ospedale.
«Per la realizzazione di opere strutturali legate alla palazzina uffici saranno temporaneamente spostati alcuni locali tecnici destinati al personale – ha spiegato Marco Milella, architetto dell’azienda ospedaliera – Poi si procederà con la costruzione dell’edificio vero e proprio, partendo dalla struttura in acciaio».
L’opera è stata progettata dallo Studio Keller Associati e sarà realizzata dalla Leopoldo Castelli Spa di Como. La palazzina, a pianta quadrata, avrà una superficie complessiva di 3.900 metri quadrati su quattro livelli. Sul tetto sarà realizzato un eliporto, attrezzato per il volo notturno, collegato direttamente al pronto soccorso tramite un percorso protetto.
«Il concetto base è la flessibilità degli spazi e degli ambienti interni, modulabili a seconda delle esigenze – ha spiegato Sergio Carangelo, il progettista – Al piano terra sarà realizzato un auditorium con 290 posti, suddivisibile all’occorrenza in sale riunioni più piccole. Lo stesso avverrà per i tre piani di uffici, i cui spazi interni potranno essere modulati senza difficoltà».
La palazzina sarà composta in gran parte di vetrate. «Le pareti rifletteranno da una parte l’immagine del bosco e dall’altra quella dell’ospedale – ha detto Carangelo – L’edificio vivrà dell’immagine riflessa dal contesto e questo permette di avere un impatto minore».
Impatto ridotto anche sul fronte dei consumi. «Il progetto permette di ottenere il massimo risparmio energetico possibile – ha detto ancora il progettista – grazie a soluzioni tecnologiche d’avanguardia. Solo per citare un esempio, l’elisuperficie, quando non sarà utilizzata, rimarrà di fatto “spenta”. Solo al momento dell’intervento, sarà direttamente il pilota dell’elicottero ad “accendere” la base».
I lavori, salvo intoppi, saranno completati in dieci mesi. «Entro fine anno – ha concluso Onofri – avremo la palazzina».

Anna Campaniello

Nella foto:
L’area dove sorgerà la nuova palazzina accanto all’ospedale Sant’Anna (fotoservizio Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.