Pancotto a Cantù, ultimi dettagli da definire. Abbonamenti: vendute 70 tessere

Cesare Pancotto

Ci sarà ancora da attendere per l’ufficializzazione dell’arrivo di Cesare Pancotto alla guida della Pallacanestro Cantù. Il rinvio è dovuto ad alcuni particolari da definire nella separazione consensuale tra il tecnico e la sua attuale formazione, la Poderosa Montegranaro.
Ieri è arrivato il comunicato ufficiale del club, con le dichiarazioni del tecnico: «Ho avuto l’onore e il piacere di allenare la Poderosa Montegranaro in quella che per me è la città del basket – ha detto Pancotto – Anche se si chiude una collaborazione, dentro di me restano il ringraziamento, il rispetto e la condivisione di dodici mesi di rara intensità, emozione e soddisfazione reciproci». Dopo aver definito gli ultimi dettagli con Montegranaro e con la stessa Cantù sarà poi ufficializzato l’ingaggio da parte del club brianzolo, con un comunicato che ormai è pronto da una settimana.
Ieri, intanto, ha preso il via la campagna abbonamenti della società canturina. Il tifoso più veloce a recarsi a Cucciago nel punto vendita è stato Alessandro Scaglione, 21 anni, arrivato con largo anticipo rispetto a tutti gli altri. In possesso di un abbonamento da nove stagioni, Alessandro fu il primo ad abbonarsi anche la scorsa estate, durante la campagna abbonamenti “All 4 One”, per la stagione sportiva 2018-2019.
Presente anche il presidente in pectore Davide Marson, che ha voluto salutare di persona i primi tifosi che hanno acquistato le tessere. Alle 19.30, alla chiusura del punto vendita di Cucciago, ne sono state sottoscritte una settantina alle quali andranno aggiunte quelle prese direttamente on line.
«La risposta dei nostri tifosi sarà fondamentale» ha affermato Marson, il quale ha poi proseguito così: «Ora più che mai la società ha bisogno del sostegno del pubblico, fin da subito – ha spiegato – La nuova compagine ha in mente un progetto ambizioso per il palazzetto, per questo sarà importante poter contare anche sul calore del nostro pubblico».
Rispetto all’ultimo anno c’è stato un lieve aumento dei prezzi, ma Marson tiene a ricordare: «Non dimentichiamoci che la prossima stagione non avremo 15 partite casalinghe, bensì 17, per via del campionato passato da 16 a 18 squadre. Avremo due neopromosse di grande prestigio come Fortitudo Bologna e Virtus Roma, che renderanno il torneo di serie A ancor più imperdibile per tutti gli appassionati. Spero tutto questo venga compreso dai tifosi canturini: ancora una volta contiamo sul nostro sesto uomo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.