Paolo Bettini: «Como diventi sede fissa dell’arrivo del “Lombardia” »
Sport

Paolo Bettini: «Como diventi sede fissa dell’arrivo del “Lombardia” »

«Sono molto legato a Como, per tanti motivi, per questo torno sempre volentieri da queste parti». Parole di Paolo Bettini ospite, l’altra sera, della Canottieri Lario nell’ambito di una serata organizzata in vista dell’arrivo del Giro di Lombardia in città. Mai banale, spesso ficcante, l’ex corridore (due Mondiali nel suo curriculum e il titolo olimpico di Atene 2004) ha parlato a tutto campo.

Ma, e non poteva essere altrimenti, l’attenzione si è soffermata prima di tutto sul suo doppio successo al Giro di Lombardia in piazza Cavour nel 2005 e nel 2006. «Il “Lombardia”è una tra le classiche più impegnative – ha detto -Io ho avuto la fortuna di vincerlo per due volte proprio qui sul lungolago. La seconda è stata molto particolare, a pochi giorni dalla scomparsa di mio fratello con la maglia di campione del mondo». E tutti gli appassionati, infatti, non dimenticano l’arrivo di Bettini in lacrime, in solitaria, al traguardo.

L’ex corridore ha avuto parole importanti per il “Lombardia” targato Como, con il finale tutto lariano. «Lo faccio sia per i miei ricordi, sia perché è veramente un bel traguardo, molto impegnativo. Sarebbe bello che diventasse una sede fissa d’arri – vo come succede per tante altre prestigiose competizioni ciclistiche». Paolo Bettini ha lanciato una proposta che riguarda il Ghisallo. «Mi piacerebbe vedere sul Colle caro a noi corridori l’arrivo di una tappa del Giro d’Italia, magari nella terza settimana – ha detto – Quella di Bellagio è una salita storica, dal significato particolare, come pure arrivare in cima dove si trovano il Santuario e il Museo del Ciclismo».

Sul Giro di Lombardia 2017 l’iridato di Salisburgo 2006 e Stoccarda 2007 si sbilancia su un nome: «Mi piacerebbe vedere di nuovo sul gradino più alto del podio un livornese, magari il mio conterraneo Diego Ulissi, che in questo momento sta andando molto forte». Infine Bettini ha ricordato un suo compagno di tante battaglie, il lariano Luca Paolini. «Tra di noi c’è stata e c’è una amicizia che va oltre il nostro lavoro. Abbiamo condiviso tante gioie e lui è stato fondamentale in alcuni miei successi: gliene sarò per sempre grato».

Massimo Moscardi

14 Settembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto