Paratie e rischio demolizione, Fontana: Ombre sul futuro del cantiere
Cronaca

Paratie e rischio demolizione, Fontana: Ombre sul futuro del cantiere

Paratie, nuovo progetto del lungolago e processo in corso. Una triade che mal si potrebbe assortire in futuro. Se è infatti vero che pochi giorni fa l’assessore regionale agli Enti locali, Massimo Sertori, ha illustrato a Como il nuovo piano per far rinascere la passeggiata comasca, è altrettanto vero che è tuttora in corso, e in una fase cruciale, il processo per le presunte irregolarità del cantiere infinito del lungolago.

E nelle ultime ore il pm Pasquale Addesso ha chiesto condanne severe per gli imputati e ha avanzato anche un’altra richiesta che potrebbe influire sulla prosecuzione dei lavori, ovvero la demolizione di parte delle opere già realizzate. Si tratta per adesso delle richieste dell’accusa, che dovranno essere vagliate dalla corte.

Ma inevitabilmente questa ipotesi apre nuove incognite sul futuro del lungolago. «Aspettiamo innanzitutto la decisione dei giudici», ha detto il presidente di Regione Lombardia Attilio Fontana, ieri in città con l’assessore alle Infrastrutture e Trasporti, Claudia Maria Terzi, e il sottosegretario ai Rapporti con il Consiglio regionale Fabrizio Turba, per partecipare a una seduta speciale del Tavolo della Competitività. «Si dovrà capire cosa dirà la sentenza e mi auguro che non ci sia nessuna sospensione dei lavori. Anche perché se la sentenza dovesse – assieme a eventuali condanne – andare a incidere sul progetto (con l’eventuale demolizione di opere realizzate in passato), ci sarebbe sicuramente un ricorso in appello che poi porterebbe inevitabilmente fino in Cassazione con una dilatazione sostanziosa dei tempi. Se così fosse saranno forse i nostri figli a poter vedere il nuovo lungolago. Mi auguro proprio che ciò non accada», sostiene Fontana.

Durante il Tavolo della competitività, al quale hanno partecipato i rappresentanti delle istituzioni, del mondo economico, sociale e politico, si è parlato anche di livello del lago. «Stiamo recuperando negli uffici della Regione gli studi fatti in tema di livello del lago, li stiamo assemblando e stiamo dialogando con il Ministero, affinché si possano mettere intorno a un tavolo tutti i portatori di interesse», ha detto il sottosegretario Turba.

20 ottobre 2018

Info Autore

Fabrizio

Fabrizio Barabesi fbarabesi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto