Paratie, lunedì sera in aula interverranno tutti i big

Verso il consiglio del 19 settembre
Oltre ai 3 progettisti, previste relazioni dei tecnici regionali, comunali e del sindaco
Si profila ricco di spunti il consiglio comunale in programma lunedì prossimo a Palazzo Cernezzi. In aula infatti – oltre ai tre progettisti Renato Conti, Ugo Majone e Renato Terragni – saranno presenti e interverranno i super-esperti incaricati dal Comune di valutare il rischio per gli edifici vicini alle paratie, i professori Lorenzo Jurina e Giovanni Beretta, poi Adriana Mai, della Direzione generale Territorio e Urbanistica della Regione Lombardia, il sindaco Stefano Bruni e i dirigenti comunali Antonio Viola e Antonio Ferro.
Questo consiglio comunale aperto dovrebbe consentire un’informativa dettagliata su ogni aspetto problematico e sulle novità emerse negli ultimi mesi riguardo il cantiere delle paratie.
Altro discorso, invece, per quanto riguarda la seconda seduta sul tema del lungolago, già fissata il 3 ottobre prossimo. Quel giorno la “platea” sarà tutta dei consiglieri comunali. E non è difficile immaginare che le polemiche e gli scontri non mancheranno. «Auspico che questa possa rappresentare una decisiva occasione di chiarezza per il consiglio comunale – ha dichiarato il presidente del consiglio comunale Mario Pastore – e che sia data ai consiglieri l’opportunità di essere informati in modo completo ed esaustivo su tutti i dettagli e le novità intercorse riguardo al progetto paratie».
Sul fronte del cantiere, intanto, nessuna novità di rilievo. Da un lato, perché in queste ore l’attenzione è stata monopolizzata dal problema alla scalinata verso i giardini. Dall’altro perché la situazione della Sacaim è ancora tutt’altro che ben definita.

Nella foto:
Quella di lunedì prossimo, dedicata in buona parte alle paratie, sarà la seconda seduta del consiglio comunale dopo la pausa estiva

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.