Paratie, parla il prefetto: “Siamo pronti, ma ancora nessun incarico”

corda paratieL’Anticorruzione valuta l’intervento del prefetto in merito alla vicenda paratie –  ipotizzando un commissariamento dell’azienda che si è aggiudicata i lavori o un suo affiancamento – ma di ufficiale ancora non c’è nulla. A dirlo chiaramente è lo stesso prefetto di Como, Bruno Corda, che oggi ha commentato gli ultimi sviluppi, dopo la nota dell’Anac nella quale il presidente Cantone – oltre ad annullare l’incontro previsto a Roma per il 16 giugno alla luce degli ultimi arresti – spiega come si stia valutando la possibilità di procedere con l’attivazione delle misure previste dall’articolo 32 del decreto legge 90/2014. “Una valutazione che ancora deve essere compiuta da parte dell’autorità – dice Corda che precisa come ancora non ci sia stato nessun incarico sul tema – la procedura non è ancora stata seguita, per ora c’è solo una nota che dà una valutazione di carattere generale sulla possibilità di far ricorso all’articolo 32. Laddove dovessimo essere richiamati dall’Autorità a svolgere il ruolo certamente non ci sottrarremmo ma non abbiamo avuto nessun investimento di nessun genere. Il giorno in cui questo dovesse avvenire faremo quello che la legge prevede”.

Tratto da Espansione TV

Articoli correlati