Paratie, schermaglie politiche tra Governo e Regione

2016_1_12_paratie_como

Senza Anac la riunione è inutile, dicono dalla Regione. Se non serve il nostro aiuto basta dirlo, replicano da Palazzo Chigi. Per chi ancora avesse dubbi, il concetto è chiaro: il cantiere delle paratie è tornato al centro dello scontro fra centrodestra e centrosinistra. Una partita politica che si giocherà sull’asse Milano-Roma. Le schermaglie sono già iniziate. Basta leggere il post pubblicato su Facebook in queste ore da Mauro Grassi direttore di Italia Sicura, la struttura di missione contro il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche alle dipendenze della presidenza del Consiglio che da qualche settimana ha preso a cuore la vicenda paratie. Riprendendo l’articolo pubblicato oggi sul Corriere di Como e firmato da Dario Campione, Grassi scrive: “Per me un lago é un lago. Un cantiere è un cantiere. C’è chi ha sbagliato? Pagherà. Ma che i lavori vadano avanti. Maroni fa da solo? Faccia. I tavoli servono per discutere e insieme trovare una soluzione. Non ce ne è bisogno? Meglio così. ‪#‎cantieriprimaditutto”.

Oggetto del contendere l’incontro fissato a Milano per il 23 giugno al quale parteciperà anche Italia Sicura assieme a Comune, Regione e Autorità di Bacino, per fare il punto sulla questione e capire come far ripartire il cantiere. Un incontro tecnico, non politico, giudicato inutile da Regione Lombardia vista l’assenza al tavolo di Anac. Se infatti Roberto Maroni si è più volte detto disponibile a farsi carico dell’opera al posto del Comune di Como, il governatore lombardo è convinto che prima di tutto serva il via libera dell’Anticorruzione.

Resta da capire chi vincerà questa partita sul destino delle paratie. Prossimo appuntamento il 23 giugno.

 

 

Tratto da Espansione TV

Articoli correlati