Parte con il freno tirato la carta sconto per il gasolio

Carta sconto gasolio: partenza al rallentatore. E quanto accaduto in Svizzera nelle ultime ore rischia di rendere inutile lo strumento delle tessere sconto, vanificando la riduzione di 8 centesimi al litro che scatterà dal 1° febbraio per chi abita entro dieci chilometri dal confine elvetico (fascia A).
L’operazione sconto, fortemente voluta dal consigliere regionale Daniela Maroni (lista “Maroni presidente”), arriva in un momento delicato sul confine.
La decisione della Banca nazionale svizzera di non tenere più sotto controllo il tasso di cambio euro-franco ha fatto crollare il valore della moneta unica. E le prime pesanti ripercussioni sui prezzi al consumo si sono già viste ai distributori ticinesi dove il prezzo in euro della verde è salito di oltre 25 centesimi mentre per il gasolio le quotazioni sono praticamente identiche su entrambi i lati della dogana. Ieri, infatti, un litro di gasolio in Svizzera costava 1,457 euro, in Italia 1,431. La convenienza del pieno in Ticino sta dunque venendo meno, mettendo così a rischio il meccanismo delle agevolazioni per la benzina e per il gasolio previste dalla Regione.
Da ieri, comunque, i cittadini interessati alla carta sconto per il gasolio possono rivolgersi al Comune di residenza per chiedere l’abilitazione della propria Carta regionale dei servizi (Crs) così da ottenere lo sconto che sarà operativo dal 1° febbraio. A Palazzo Cernezzi, negli uffici preposti, non si sono però viste code. Solo pochi gli utenti – una decina in tutta la mattinata – che si sono recati agli sportelli per la procedura. Anche al Pirellino, dove si possono ottenere le informazioni e il Pin (numero personale di identificazione) necessario per l’utilizzo della carta sconto, erano pochissime le persone.
In provincia di Como sono 49 i comuni interessati dal provvedimento. I cittadini che desiderano usufruire dello sconto sul gasolio devono rivolgersi agli uffici municipali del Comune di residenza per richiedere l’abilitazione della propria Crs. Verranno verificati in tempo reale i dati del richiedente e quelli del veicolo associato. Il sistema consentirà di estendere lo sconto anche ai componenti del nucleo familiare del proprietario del veicolo con un ulteriore modulo. Come detto, per l’utilizzo della Carta sconto per il gasolio occorre disporre del Pin. Chi ne fosse sprovvisto può richiederlo presentando la propria Carta e un documento di identità, agli uffici dell’Asl, ai Comuni abilitati al rilascio e alla sede di Spazio Regione, in via Einaudi a Como.
L’utilizzo della carta sconto gasolio prevede l’applicazione di un canone annuale di 1,50 euro. L’importo viene scalato in automatico sul primo rifornimento a prezzo scontato all’inizio di ogni anno.
Per uno stesso veicolo, il rifornimento a prezzo scontato è ammesso a condizione che siano trascorse almeno 12 ore dal precedente.
I quantitativi massimi di gasolio acquistabili a prezzo ridotto non possono inoltre superare gli 80 litri al giorno e i 250 litri al mese.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.