Parte da Cernobbio la guerra alla pizza Pomarola del Brasile

0pizzaRaccolta di firme anche contro l’olio americano Pompeian e la “Zottarella” tedesca

Stop alla pizza con “Pomarola” del Brasile, olio “Pompeian” in arrivo dagli States e “Zottarella” tedesca. A Cernobbio – con una raccolta firme – è cominciato il percorso che vuole portare a inserire “l’arte della pizza napoletana” nella lista Unesco dei patrimoni immateriali dell’umanità.

«La pizza napoletana – sottolinea la Coldiretti che lancia la campagna – da febbraio 2010 e’ ufficialmente riconosciuta come specialità tradizionale garantita dalla Ue. Ora si punta a un riconoscimento internazionale per contrastare atti di pirateria alimentare». Il rischio di pizze “taroccate” esiste anche in Italia, dove quasi due pizze su tre sono ottenute da un mix di prodotti in arrivo da migliaia di chilometri di distanza.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.