Passaggi a livello: Ferrovie Nord per ora non parla, si affida ai comunicati

Passaggio a livello

Almeno per adesso da Ferrovie Nord Milano nessuna apertura al dialogo, se non tramite i comunicati stampa. Per ora infatti, seppur con la massima gentilezza, la richiesta di un’intervista con il direttore o comunque con una figura titolata a intervenire sul problema che in città è deflagrato dopo l’avvio del nuovo sistema di chiusura dei passaggi a livello, è stata respinta.
E allora a commento delle prime ore di servizio del nuovo sistema, non rimane che una nota stampa che ha dato conto dei primi due giorni di attività. «L’attivazione del Sistema di controllo della marcia del treno (Scmt) nella tratta Como Camerlata – Como Lago, con la contestuale messa in funzione dei nuovi impianti di segnalamento che regolano l’apertura e chiusura dei passaggi a livello – realizzate in base alle prescrizioni di Ansf (Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie) – è stata accompagnata, nella giornata di sabato, da alcune problematiche tecniche già identificate e risolte. Inoltre, l’avvio del nuovo sistema di monitoraggio in tempo reale dell’area dei passaggi a livello tramite telecamere, per garantire una maggiore sicurezza, necessita di un breve periodo di assestamento durante il quale perfezionare il flusso di comunicazioni e il coordinamento tra il personale di Fnm che controlla le telecamere e il personale di bordo dei treni». Sarebbero dunque queste le «due ragioni che hanno influenzato le tempistiche di chiusura dei passaggi a livello che sono state segnalate», si legge nella nota. Questo a commento di quanti, come anche l’assessore Gervasoni, avevano verificato come nella giornata di sabato, in alcuni casi la chiusura dei passaggi a livello era sta ancor più lunga del previsto. E infine una precisazione per un ulteriore disguido accaduto domenica. «La prolungata chiusura del passaggio a livello di Como Borghi della mattina di domenica è stata causata dal guasto di un treno e non da un problema all’infrastruttura», si chiude il comunicato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.