Patrimonio in vendita e paesaggio da valorizzare

alt Si punta a incassare sette milioni di euro
L’assessore critica il chiosco “Il Molo”: «Concessione troppo lunga, è da rivedere»

Patrimonio pubblico in vendita, cresce l’interesse. Da un lato, Palazzo Cernezzi punta a incassare circa 7 milioni di euro in tre anni da queste alienazioni; dall’altro, molti degli immobili che andranno sul mercato risultano decisamente appetibili.
Tra bar, negozi e ristoranti c’è veramente un’ampia scelta. Nell’elenco anche degli immobili attualmente affittati a farmacisti come quello di Tavernola in via Conciliazione. Qui, va detto, la titolarità dell’esercizio della farmacia è

assolutamente privato. È infatti la dottoressa Luisa Lenzi a detenerla. Sono invece esclusivamente del Comune i locali che, presumibilmente, andranno in vendita nel 2015 con un prezzo a base d’asta di 333mila euro. Sempre tra i beni in vendita anche un chiosco situato in Lungo Lario Trieste. Nella proposta di delibera del Comune si stabilisce come sia in vendita «il chiosco di proprietà comunale che si trova in Lungo Lario Trieste al civico numero 52, denominato “Fontana d’Oro”», si legge nel documento dove è anche indicato in 400mila euro il prezzo iniziale. Da non confondere con l’altro chiosco, “Il Molo”, situato sempre in Lungo Lario Trieste a poca distanza.
«Il proprietario di quest’ultimo locale ha una concessione per l’uso di spazio demaniale che purtroppo è lunga addirittura 15 anni – interviene l’assessore al Patrimonio, Marcello Iantorno – Scadrà nel dicembre 2017, essendo stata stipulata nel lontano 2002». Non usa mezzi termini, dunque, l’assessore.
«Non capisco perché venne autorizzata per un periodo così lungo e con un canone irrisorio come quello in vigore – spiega l’assessore – Il chiosco è inoltre situato in un punto che andava maggiormente tutelato».
Infine un’ultima stoccata. «La concessione è da far cessare quanto prima e, a parere di molti, è certamente da non rinnovare se si vogliono tutelare i beni supremi della città a partire dal paesaggio», spiega Iantorno.

Nella foto:
I locali che oggi ospitano la farmacia di Tavernola andranno all’asta nel 2015

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.