Patteggiano i coniugi dello spaccio. Da Mariano operavano in tutta la Brianza

Como, Tribunale, Palazzo di giustizia

Erano stati accusati di essere i referenti dell’uomo che, nell’ottobre del 2016, aveva travolto in auto (nel tentativo di scappare) un poliziotto. Investimento che avvenne a Mariano Comense. Marito e moglie, il primo italiano di 36 anni, la seconda marocchina di 35, erano stati arrestati con l’accusa di spaccio di stupefacenti poco prima che davanti alla loro abitazione avvenisse l’investimento. Finita la misura cautelare, tornarono in libertà ma vennero di nuovo “pizzicati” dai carabinieri della Tenenza di Mariano Comense.
Ieri mattina, la coppia è dunque comparsa di nuovo di fronte al giudice dell’udienza preliminare di Como per patteggiare 2 anni e 6 mesi lui e 4 anni lei. Le indagini dei carabinieri abbracciarono un lasso di tempo più recente rispetto a quello del primo arresto, ovvero tra il dicembre del 2018 e il luglio del 2019. L’area in cui marito e moglie spacciavano (eroina e cocaina) era ampia, e andava da Cermenate a Lazzate, da Lentate sul Seveso a Cantù, Mariano Comense e Carugo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.