Paure, ansie, rabbia. Un “centro” per i giovani

Sant’Anna
Manifestazioni di ansia o rabbia eccessiva, incapacità di gestire la frustrazione, stress post-traumatico oppure veri e propri disturbi psichici. Quasi 500 adolescenti e giovani fino a 30 anni sul territorio provinciale sono seguiti dal dipartimento di salute mentale del Sant’Anna.
Un problema in costante crescita, al quale l’azienda ospedaliera ha deciso di dedicare un’attenzione ancora maggiore con l’apertura di un centro specializzato fuori dall’ospedale.
La struttura
, realizzata in viale Varese, sarà inaugurata in primavera.
Il progetto è ormai definito e sarà presentato in modo ufficiale lunedì prossimo nell’ambito del convegno “Il trattamento precoce dei disturbi mentali gravi: la situazione attuale e le prospettive future”, in programma al Grand Hotel di Como.
Il Centro giovani e adolescenti per la prevenzione e la cura delle psicosi si rivolgerà a pazienti dai 14 ai 30 anni. Dal 2002, il dipartimento di salute mentale del Sant’Anna si occupa in modo specifico di questi utenti, in particolare sul fronte della prevenzione. «Partendo da un’attività ormai consolidata – dice Claudio Cetti, direttore del Dsm – siamo riusciti a realizzare uno spazio dedicato ad adolescenti e giovani fuori dal contesto ospedaliero. Seguiremo i ragazzi con percorsi individuali ma anche le loro famiglie. Prevenire il disagio è importante per evitare la malattia». Attualmente, il Dsm si occupa di 85 ragazzi dai 14 ai 18 anni e di 392 giovani dai 18 ai 30. «Per ciascuno – sottolinea Cetti – la struttura discute il caso con l’intera équipe e stabilisce un percorso terapeutico complessivo a breve, medio o lungo termine sulla base dei bisogni e delle caratteristiche di ogni persona».
Gli interventi possono prevedere varie forme di psicoterapia, trattamento del disturbo post-traumatico da stress o attività di gruppo per la gestione di ansia, rabbia e frustrazione, per apprendere tecniche di rilassamento o per sviluppare le abilità comunicative e di problem solving.

Anna Campaniello

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.