Pazienti, un libro per ingannare l’attesa

alt

Narratori per una buona causa

(a.cam.) Il Sant’Anna è uno dei cinque ospedali italiani scelti per sperimentare il progetto Racconti in sala d’attesa, raccolta di storie pensate per ingannare il tempo mentre si aspettano diagnosi, terapie e referti medici. I racconti sono firmati da dodici scrittori italiani che hanno partecipato gratis all’iniziativa.
«È un modo per migliorare il benessere dei pazienti – sottolinea Marco Onofri, direttore generale

del Sant’Anna – Leggere è una distrazione ma anche un sollievo, un modo per pensare ad altro anche in un momento difficile».
«L’obiettivo – ha spiegato la giornalista comasca Paola Pioppi – è raggiungere tutti gli ospedali d’Italia e, nel prossimo futuro, di proporre anche un testo analogo ma pensato per i bambini».
Il volume, in vendita nelle librerie, sarà gratuitamente a disposizione di tutti i pazienti in ospedale. Un poster spiegherà ai visitatori la finalità del progetto.

Nella foto:
Paola Pioppi con una copia del volume antologico di racconti

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.