Pedemontana e pedaggio, nuove segnalazioni di disservizi

Le indicazioni per il pagamento del pedaggio sulla Pedemontana

Le indicazioni per il pagamento del pedaggio sulla Pedemontana © | Le indicazioni per il pagamento del pedaggio sulla Pedemontana (foto Nassa)

Scoppia una nuova polemica sul sistema di pagamento automatico della Pedemontana. In questo caso, in particolare, sono numerose le segnalazioni di automobilisti con vetture dotate di Telepass, i cui pagamenti non vengono registrati. Gli utenti ricevono così il bollettino di sollecito, con l’aggravio delle spese.

Un disguido tutt’altro che raro per chi utilizza la nuova autostrada lombarda che, lo ricordiamo, non è dotata di caselli ma è contraddistinta da un sistema di rilevamento unicamente elettronico.
La totale automazione dei pagamenti sin dall’inizio ha mostrato non pochi problemi e sono frequenti i disagi per gli automobilisti che devono saldare il conto dei passaggi. Per evitare di dover pagare ogni singola tratta, è possibile aderire al sistema Conto targa oppure utilizzare il Telepass.

In molti casi però tutto questo non è sufficiente. Pur avendo l’apparecchio del Telepass sistemato correttamente in auto, capita infatti che il rilevatore sull’autostrada non rilevi un passaggio e che l’automobilista, a distanza di settimane, riceva il sollecito di pagamento, con relativo aggravio di spese di notifica. Da qui la necessità di contattare gli uffici di Pedemontana per provare a risolvere l’inconveniente.

 

Articoli correlati

2 Commenti

  • Avatar
    Giancarlo , 18 Giugno 2019 @ 15:55

    Nonostante abbia regolarmente installato sulla mia autovettura un TELEPASS REGOLARMENTE FUNZIONANTE, è già la seconda volta che ricevo da “Autostrada Pedemontana Lombarda” un sollecito di pagamento (con relative spese) perchè evidentemente il sistema automatico per l’ addebito automatico tramite Telepass dei pedaggi non è ancora in grado di funzionare in modo del tutto regolare.
    Nonostante questi inconvenienti, certamente non imputabili a negligenza dell ‘utenza, l’ Ente che gestisce questa importante arteria autostradale (svolgendo servizio ad uso pubblico), si permette di “ribaltare” sull’ utente le proprie inefficienze, creando disagi e perdite di tempo (talvolta per cifre irrisorie, come è capitato nel mio caso).
    Sulla base di quanto sopra, mi permetto di fare le seguenti considerazioni:
    1°) Sarebbe opportuno che Autostrada Pedemontana modifichi la propria organizzazione per quanto riguarda il recupero dei pedaggi non pagati, verificando preventivamente e direttamente (a proprie spese) che il Soggetto interessato sia effettivamente transitato senza Telepass, e che il mancato pagamento del pedaggio non sia invece da attribuire a carenze della propria organizzazione e/o dei propri apparati.
    Solamente in caso di effettiva negligenza da parte dell’ Utente è opportuno mandare il SOLLECITO, con relative spese e/o sanzioni, senza alcuna tolleranza per gli inadempienti.
    2°) Nella fattispecie il comportamento dell ‘Ente Autostrada Pedemontana, ha dimostrato scarsa efficienza (per quanto riguarda la propria organizzazione) ed un comportamento deontologicamente poco corretto nei confronti della propria utenza-clientela, alla quale si chiede, a mesi di distanza, di seguire inopportune e complesse procedure per dimostrare la propria correttezza.

  • Avatar
    Luca , 31 Gennaio 2018 @ 12:00

    Contattare il call center è impossibile, inoltre il sistema di pagamento on line non funziona. se si riesce a pagare non si riceve fattura anche se si visualizza il pagamento.
    Inoltre se si riutilizza la pedemontana, quando si rientra nel sito per fare un altro pagamento questo richiede anche il pagamento già effettuato ?!?!?
    ASSURDO .
    CALL CENTER NON RISPONDE , MAIL NEANCHE. QUINDI CHE SI FA ?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.