Pedemontana, via libera ai progetti esecutivi

Dopo la sentenza del Tar
Via libera alla progettazione esecutiva delle tratte di Pedemontana che interessano il territorio lariano, in particolare la zona di Lomazzo, le province di Monza-Brianza e Bergamo. Il progetto complessivo, che comprenderà circa 30mila elaborati, dovrà essere completato entro sei mesi.
Ieri, Autostrada Pedemontana Lombarda e l’associazione temporanea di impresa guidata dall’austriaca Strabag e composta tra gli altri dalle italiane Maltauro, Fincosit e Adanti, hanno firmato il contratto
per l’affidamento della progettazione esecutiva e realizzazione delle principali tratte della futura autostrada lombarda. Complessivamente, si tratta di un intervento da 1,7 miliardi. I lavori appaltati ieri andranno a completare l’itinerario pedemontano, aggiungendosi alle tangenziali di Como e Varese, già in esecuzione.
Il via libera è arrivato dopo che il Tribunale regionale amministrativo ha negato la sospensiva contro l’aggiudicazione in appalto integrato delle opere in questione, come chiesto nel ricorso presentato da un altro consorzio di imprese che aveva partecipato alla gara d’appalto. «Con la pronuncia del Tar – spiega una nota della società Pedemontana – si supera in extremis il rischio di perdere l’appuntamento con l’Expo, previsto a Milano nel 2015».
Ora, come detto, l’iter per la realizzazione delle nuove tratte della Pedemontana può procedere secondo la tabella di marcia. «Abbiamo fissato scadenze brevissime, 3 mesi per il progetto esecutivo delle tratte prioritarie e 6 mesi per quello complessivo – si legge ancora nel comunicato della società – La sottoscrizione del contratto è anche un impulso alla crescita del Paese in questa fase di rilancio della credibilità nazionale. Pedemontana, da oggi al 2015 vale da sola 30mila anni/uomo di lavoro, appalti che significano un indotto di oltre 5 miliardi destinati a rimanere in gran parte sul territorio».
«La sentenza del Tar è un passo molto significativo – ha commentato ieri il presidente della società Pedemontana, l’architetto Maurizio Lombardo – che ci ha permesso di sottoscrivere immediatamente il contratto con l’associazione temporanea di impresa guidata dall’austriaca Strabag, in modo tale da far partire subito la progettazione esecutiva. Nel tardo autunno contiamo di far partire i lavori per la realizzazione delle tratte in questione».
Nella sua totalità, l’opera, una volta ultimata, sarà composta da 67 chilometri di autostrada che collegheranno Cassano Magnago (Varese) a Osio Sotto (Bergamo), passando anche per la Bassa Comasca, e dai 20 chilometri delle tangenziali di Como e Varese.

Anna Campaniello

Nella foto:
Maurizio Lombardo

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.