Pelè, Maradona e i grandi campioni passati dal Lario

alt I big in trasferta in città
In partita o in allenamento: tanti fuoriclasse del calcio mondiale sono transitati dal Sinigaglia
Il dubbio su Leo Messi in prova al Como rimane e chissà mai che lui stesso, un giorno, non decida di dire se effettivamente il “famigerato” provino c’è stato o meno.
Si parla di uno dei più grandi campioni della storia del calcio mondiale che, nel caso fosse venuto per davvero sul Lario, sarebbe solo stato l’ultimo di una lunga lista.
Perché, in campo, in partite ufficiali, o anche solo per allenamento, i “grandi” della storia sono più o meno tutti passati dallo stadio Sinigaglia.

Il Santos di Pelè, per esempio, quando venne in tourneè in Italia, prima di affrontare il Milan si allenò sul Lario.
Ed infatti nel libro dedicato agli 80 anni di storia del club lariano, curato dal compianto Franco Usuelli, c’è proprio una foto del grande Pelè con i dirigenti dell’epoca.
Nel 1964 sul terreno di gioco dello stadio Sinigaglia si allenò il grande Real Madrid di Alfredo Di Stefano, Francisco Gento e di Ferenc Puskás. Gli spagnoli prepararono l’incontro di Coppa dei campioni con il Milan. Per la cronaca vinsero poi i rossoneri per 2-0 con reti di Lodetti e Altafini.
Quando il Como ha giocato in serie A negli anni ’80, sul Lario sono arrivati i migliori giocatori del mondo: in quel periodo, per risorse dei club e qualità, il campionato italiano era a livello assoluto il più bello.
E gli stranieri che giocavano nel nostro Paese erano in assoluto i numeri uno, prima del declino degli anni recenti. Qualche nome: Diego Armando Maradona del Napoli, Zico dell’Udinese, Falcao della Roma, Michel Platini della Juventus.
Non va poi dimenticata la presenza, in amichevole, del brasiliano Ronaldo, in campo con la maglia dell’Inter al Sinigaglia nell’autunno del 1997.

Nella foto:
Pelè con i dirigenti del Como dell’epoca

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.