Per evitare la stangata fiscale la tassa va agganciata alla famiglia

La proposta delle Acli
La nuova Imu introdotta al posto dell’Ici continua a far discutere. La confusione sembra regnare sovrana. E dopo l’allarme lanciato dai Caf sull’assenza di informazioni adeguate su tempi e modalità di pagamento, sono intervenute anche le Acli che ieri,  durante un incontro, hanno manifestato forte preoccupazione per un’imposta a loro dire assolutamente iniqua.
La situazione è caotica anche per il fatto che pochissimi Comuni della provincia, una decina in tutto, hanno già stabilito le aliquote da applicare.
Le Acli puntano essenzialmente a far valere, nel calcolo dell’importo da pagare, due fattori decisivi: il reddito e la composizione
del nucleo familiare. Al posto dell’attuale e indistinta detrazione di 200 euro, maggiorata di 50 euro per ciascun figlio a carico minore di 26 anni, le Acli propongono una nuova formula, modulata su un reddito base di 18mila euro. In concreto, sempre secondo il modello elaborato dall’ufficio studi delle Acli, un complesso calcolo, basato sulla moltiplicazione dei redditi per le aliquote, produrrebbe – in caso di detrazioni collegate al numero dei componenti della famiglia – un minore esborso fiscale.
Anche con queste modifiche, però, l’Imu per qualcuno potrebbe rappresentare comunque una vera e propria batosta. Ad esempio per quelle famiglie – circa l’8% dei contribuenti che si sono rivolti agli sportelli Acli al Nord – che possiedono una seconda casa e che avevano deciso di concederla ai figli, a uso gratuito. Senza contare, infine, i problemi legati al pagamento in 2 o 3 rate dell’imposta e alla compilazione dei moduli.
«Molti cittadini, soprattutto quelli più anziani, non sono capaci di eseguire questo calcolo che si presenta oggettivamente complicato. Spesso non sanno neanche dell’esistenza dell’Imu – ha detto il presidente provinciale delle Acli di Como, Maria Luisa Seveso – e questo genererà, sicuramente, moltissimi errori. E relative sanzioni per l’errata compilazione».

Fabrizio Barabesi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.