Per il futuro rispunta un’idea clamorosa. «Autosilo in piazza Cavour? Si può fare»

Il dirigente comunale alla Mobilità, Lorini: «Perfetto per residenti e hotel»
E se la Ztl si arricchisse di un nuovo autosilo nientemeno che in piazza Cavour? L’ipotesi, tutt’altro che peregrina anche se per nulla sicura, è contenuta nella relazione allegata al nuovo Piano
di governo del territorio. E, fattore che le conferisce maggiore consistenza rispetto al passato, quando un’idea molto simile animò i dibattiti politici, è stata avanzata direttamente dal dirigente del settore Mobilità di Palazzo Cernezzi, peraltro storicamente mai troppo convinto della linea a favore dei grandi parcheggi interrati nel pieno centro di Como. Eppure, in questo caso, è lui stesso a motivare l’origine dell’indicazione a favore di un autosilo nel cosiddetto salotto buono della città.
«La domanda di sosta nel centro cittadino è notevole – ha spiegato ieri Lorini – E studiando la città, è chiaro che non esistono molte alternative a piazza Cavour. Nell’ambito dei quadranti a Nord del territorio, quello è l’unico spazio dove potrebbe effettivamente essere realizzato un parcheggio interrato».
Questa, dunque, la ragione urbanistica, per così dire, alla radice della proposta forte messa nero su bianco.
Ma Lorini – pur ragionando in termini puramente tecnici e ovviamente non politici – aggiunge alcuni dettagli a corollario. E non di secondo piano.
«Con un autosilo interrato in piazza Cavour si potrebbe dare una risposta importante alla domanda pregressa di posti auto nella zona centrale – afferma il dirigente di Palazzo Cernezzi – Anzi, riuscire a soddisfare le esigenze dei residenti del centro sarebbe senza dubbio la motivazione essenziale». Non l’unica, però. «La presenza di alberghi nella zona di piazza Cavour – ha aggiunto Lorini – sarebbe sicuramente un’altra ragione a favore della nuova struttura. Una parte dei posti potrebbe soddisfare anche la domanda delle strutture ricettive».
Ultima questione: l’impatto dell’eventuale costruzione del posteggio interrato sulla piazza stessa e sull’ambiente circostante.
«Caso mai si arrivasse alla realizzazione – conclude Lorini – sarebbe sicuramente un’operazione molto delicata. Di sicuro ci sarebbe un obiettivo da tenere presente. Migliorare, e possibilmente di molto, l’aspetto stesso di piazza Cavour. Inserire un autosilo interrato in quella zona per poi mantenere la piazza così com’è non avrebbe una logica».
A fronte di queste considerazioni, però, un ostacolo non di poco conto è già emerso nelle settimane scorse. Ed è un altro dirigente del Comune di Como, Giuseppe Cosenza (Urbanistica), a spiegarlo. Esattamente come ha fatto pubblicamente in una recente commissione consiliare dove ha relazionato su una serie di nodi urbanistici.
«È vero che tra le carte del nuovo Pgt è contenuta l’indicazione per un nuovo autosilo in piazza Cavour data dall’ingegner Lorini – ha specificato Cosenza – Ma, in realtà, quel progetto ha già subito uno stop piuttosto deciso. Al termine della Valutazione ambientale strategica (Vas), il progetto è risultato non sostenibile». Ciò significa che il giudizio finale sull’opera, tenendo conto dei pareri degli enti che partecipano all’iter delle conferenze legate alla Vas, ha ritenuto troppo problematica la realizzazione di un autosilo sotto il salotto buono della città.
Discorso già chiuso, dunque? L’ultima frase di Lorini farebbe presumere di no. «Non direi che la questione sia già superata. Per ora ha raccolto delle osservazioni. Poi si vedrà».

Emanuele Caso

Nella foto:
Una veduta di piazza Cavour dall’alto. Torna in auge l’idea di realizzare un autosilo proprio sotto il salotto buono della città

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.