Percepivano reddito non dovuto, denunce

Lavoravano in nero con annunci web o usavano "residenze comodo"

(ANSA) – MONTEGIORDANO (COSENZA), 18 DIC – Avrebbero percepito indebitamente il reddito di cittadinanza utilizzando vari escamotage. I finanzieri della Tenenza di Montegiordano hanno denunciato 41 persone con l’accusa di falsità materiale e truffa aggravata. Tra i presunti furbetti scovati dai finanzieri c’era, ad esempio, un fotografo che pubblicizzava i propri servizi sui social network; un altro percettore lavorava in nero in campagna mentre una donna gestiva un B&B che veniva regolarmente pubblicizzato sul web. In molti casi i beneficiari utilizzavano il sistema delle "residenze di comodo" allo scopo di ottenere un Isee più basso. Tanti, inoltre, i casi di indebiti percettori che continuavano silenti a intascare il sussidio nonostante l’obbligo di comunicare all’Inps variazioni del reddito o del patrimonio o altre informazioni rilevanti ai fini della revoca o della riduzione del beneficio. Oltre alla revoca e alla restituzione delle somme le persone denunciate rischiano anche la reclusione da due a sei anni.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.