Cultura e spettacoli

Percorsi cromatici in Brianza alla scoperta della poesia di Fabio Pusterla

Lo scrittore ticinese al microscopio
Appuntamento letterario domani allo “Spazio libri” del laboratorio “La Cornice” di Tommaso Falzone, in via per Alzate 9 a Cantù. Alle 18 Fabio Pusterla ed Elisabetta Motta dialogheranno a proposito del libro Colori in fuga (edito da Lithos di Como e “La vita felice” di Milano), che la Motta ha dedicato al mondo cromatico che vibra incessantemente nel canzoniere di Pusterla. Si tratta di un autore molto apprezzato dal pubblico comasco, che l’ha conosciuto grazie alla plaquette d’arte
Sulle rive, tra le foglie, sui rami edita da Lithos. Pusterla è anche saggista. Ha firmato con Claudia Patocchi il volume Cultura e linguaggio della Valle Intelvi, tratto dalle tesi discusse con Maria Corti all’Università di Pavia Il dialetto della Valle Intelvi: fonetica storica, fonologia e morfosintassi e La ‘Val di Raaf’ e la ‘Val di maesc-tràn’: indagini lessicali ed etnografiche sulla Valle Intelvi, opere fondamentali per la conoscenza antropologica della valle comasca. Nel 2009 Pusterla ha sintetizzato il meglio del proprio lavoro poetico da Einaudi in Le terre emerse. Poesie scelte 1985-2008 (pp. 213, 16 euro). Nel 2011 è uscito da Marcos Y Marcos Pietra sangue. Degno erede della “Linea lombarda” e di maestri come Vittorio Sereni, l’autore, che vive ad Albogasio, presso Valsolda, ha esordito nel 1985 con la raccolta Concessione all’inverno edita da Casagrande di Bellinzona. Il libro della Motta è un modo originale di accostare la poesia di Pusterla: quasi fosse un detective, l’autrice segue le tracce lasciate nei suoi versi dai colori, dalla luce, dall’ombra e dal buio che, come afferma l’autore ticinese, «non possono sottrarsi al significato simbolico e morale che si è su di loro cristallizzato nella storia umana». Quindi l’azzurro e il verde richiamano la vitalità e il dinamismo della natura, il bianco la luminosità e il rigore dei paesaggi invernali elvetici, il rosso e il giallo il calore e la passionalità, il grigio nelle sue varie sfumature la trasparenza o l’oppressione, il nero ovviamente la morte, il silenzio, il contrasto e il lutto.

Lorenzo Morandotti

Nella foto:
Fabio Pusterla ed Elisabetta Motta
25 maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto