«Perfetta la sorveglianza dello spazio aereo nazionale». Parla l’esperto Pietro Batacchi

L'immagine di un Eurofighter L’immagine di un Eurofighter

«Il servizio di sorveglianza dello spazio aereo nazionale è prontamente entrato in funzione e ha svolto in maniera egregia il suo compito». Il primo commento su quanto accaduto ieri mattina nei cieli lombardi arriva da Pietro Batacchi, direttore della Rivista Italiana Difesa e sottolinea l’efficienza dell’Aeronautica militare. «Succede spesso che venga disposto il decollo immediato a causa di un improvviso allarme – prosegue il direttore – E se necessario, per motivi di tempo, è prassi autorizzare il volo supersonico. Ovviamente il sistema di difesa aerea prevede l’uso della velocità per raggiungere nel minor tempo possibile l’obiettivo o la zona in cui deve essere effettuato il controllo». Ed è quanto accaduto per la missione dei due eurofighter incaricati di raggiungere il Boeing 777 della Air France con il quale si era perso ogni contatto radio. «La difesa aerea è una parte decisiva del sistema di protezione nazionale – spiega sempre il direttore della Rivista Italiana Difesa – e il nostro è assolutamente efficiente tanto che l’Italia lo garantisce anche per altri stati a partire dalla vicina Albania».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.