Cronaca

Persone vicine al ferito studiavano la vendetta

Il retroscena
(m.pv.) Pare che gli uomini della Squadra Mobile, per incastrare i due sospettati, si siano finti venditori di bombole del gas. O, quantomeno, siano subentrati al momento opportuno quando uno dei marocchini si apprestava a comprarne una. Solo così è stato possibile incastrare i presunti responsabili, in Italia senza fissa dimora e dunque “fantasmi” soprattutto in una città enorme come Milano dove per lo più gravitavano.

Il blitz degli agenti di polizia è stato decisivo anche per evitare ulteriori guai. Pare infatti che persone vicine al 21enne ferito, che evidentemente sapevano o avevano dettagli in merito ai presunti responsabili del gesto, stessero per convergere sul Comasco per farsi giustizia. Non solo da Pescara – dove viveva una parte di loro – ma anche dal resto dell’Europa. L’arresto dei sospettati ha così non solo risolto il caso, ma anche evitato ulteriore spargimento di sangue.

9 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto