Pestato a sangue in carcere: il killer di Mozzate in coma

Dritan Demiraj Dritan Demiraj

Condannato all’ergastolo in primo grado per l’omicidio della ex Lidia Nusdorfi (uccisa a coltellate il 1° marzo 2014 nel sottopassaggio della stazione di Mozzate) e dell’amico della donna Silvio Mannina (ucciso il 28 febbraio 2014 a Rimini), il fornaio albanese Dritan Demiraj è in coma dopo essere stato picchiato da un altro detenuto, un ex pugile romeno, nel carcere di Parma, dov’è detenuto. La notizia è stata riportata dalla stampa locale.  Demiraj è ricoverato in rianimazione ed è in gravi condizioni. Non sono ancora chiari i motivi dell’aggressione.

Tratto da Espansione TV

Articoli correlati