Piano di rilancio per il Tempio Voltiano

Il Tempio voltiano di Como

In primavera la struttura dovrebbe tornare al 100%

La Fondazione Alessandro Volta si candida a gestire al meglio il Tempio Voltiano. Ieri ha fatto il punto sulle attività svolte durante l’anno. Il 2018 si concluderà proprio con la presentazione al Comune di Como di un progetto esecutivo sul Tempio Voltiano ai giardini a lago: un piano di fattibilità per adeguarlo alle esigenze museali moderne e nell’ottica dell’inserimento in un lungo percorso turistico e museale che colleghi la Casa di Volta, il mausoleo, il Faro Voltiano, la Torre Gattoni, il Liceo Classico Alessandro Volta, la chiesa di San Donnino (dove Volta fu battezzato) per concludersi al monumento Life Electric di Libeskind.

Tra le novità dell’anno prossimo presentate oggi,  la fusione del Festival della Luce con 8208 Lighting Design Festival e con l’Energy Forum, dando vita a tre momenti con un tema unico – la luna – che si svilupperanno a marzo, maggio e in autunno.

Intanto il Comune di Como sta conferendo l’incarico per la progettazione dell’intervento di restauro al primo piano dell’edificio, costo complessivo circa 100mila euro (78mila + Iva). In tutto occorreranno circa un mese per la progettazione e un paio di mesi, al massimo tre, per l’intervento.

In primavera il Tempio Voltiano, che rimarrà comunque operativo durante il cantiere, dovrebbe così tornare visitabile al 100%.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.