Piantagione di droga a Limido Comasco, coinvolti tre fratelli

Le piante di canapa indiana sequestrate dai carabinieri a Limido Comasco

Una piantagione di canapa indiana è stata scoperta dai carabinieri a Limido Comasco. Tre fratelli, appartenenti a una famiglia di nomadi sinti residente nel paese, sono finiti nei guai: uno dei tre, 33 anni, è stato arrestato mentre gli altri due, di 36 e 26 anni, sono stati denunciati a piede libero.

Oltre alle piante di canapa, i militari della stazione di Mozzate (compagnia di Cantù) hanno sequestrato dosi di droga e materiale per la coltivazione e la produzione di sostanze stupefacenti.

Il blitz dei carabinieri è scattato nella serata di giovedì 17 settembre. I militari dell’Arma, dopo una serie di osservazioni e controlli, sono intervenuti mentre il 33enne entrava in un campo a Limido Comasco, lungo la via consorziale del Montebello, dove coltivava piante di marijuana.

Accertata la presenza di canapa indiana, i carabinieri hanno controllato il 33enne, i fratelli e le loro unità abitative nel campo nomadi, dove hanno scoperto e sequestrato numerose dosi di hashish e marijuana per un totale di circa 5 grammi, infiorescenza di canapa per un peso complessivo di quasi 400 grammi, quattro bilancini e materiale per il confezionamento; 26 piante di canapa indiana alte anche oltre due metri, concime chimico e materiale per la coltivazione illegale.

Come detto, il 33enne è stato arrestato e i due fratelli denunciati. L’accusa è di produzione, traffico e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.