In piazza Gobetti l’ufficio provinciale del turismo

La chiusura dello storico ufficio provinciale del turismo in piazza Cavour, a fine settembre, venne salutato con un finto funerale inscenato dalle guide turistiche impiegate da decenni nello Iat. Entro breve potrebbe però rinascere quello spazio così utile per i turisti. A Villa Saporti si sta infatti lavorando da tempo a una riapertura del punto informazioni. «Abbiamo individuato un locale idoneo in piazza Gobetti – spiega Giovanni Vanossi consigliere provinciale con delega al Turismo – e abbiamo fatto richiesta alla Regione di un finanziamento utile per spese come l’affitto. Attendiamo una risposta che dovrebbe essere positiva, entro breve». Chi, in passato, ha visto crescere lo Iat di piazza Cavour è Giuseppe Pisilli che in quell’ufficio ha lavorato dal 1975 al 2011. «In un periodo in cui il turismo ha per il nostro territorio un’importanza così grande, non è possibile avere un solo ufficio che fornisce informazioni a livello comunale (il riferimento è alla struttura sotto il Broletto). I turisti, nonostante il web, hanno bisogno di avere un luogo fisico dove ricevere non solo indirizzi di alberghi ma anche e soprattutto informazioni su quanto è visitabile in tutto il territorio. Facendo scoprire magari luoghi che altrimenti non avrebbero mai conosciuto. Sarebbe inoltre un peccato smarrire le professionalità e le conoscenze di quanti, come in piazza Cavour, hanno lavorato per anni». Le intenzioni future sono chiare. «Il nuovo Iat sarà aperto tutti i giorni, non ci sarà pausa pranzo e verranno previste delle aperture serali. Nelle nostre intenzioni è farlo diventare uno snodo fondamentale per i turisti. E ovviamente il personale che ha dovuto lasciare gli uffici di piazza Cavour rientrerà in piazza Gobetti. Attendiamo entro breve la comunicazione della Regione sulle risorse», spiega Vanossi.

Articoli correlati