Piazza Roma chiusa, martedì clamoroso sciopero dei commercianti

Negozi sbarrati e luci spente. La città sta per chiudere. I commercianti del centro lanciano l’assalto finale a Palazzo Cernezzi. Martedì 18 febbraio, 24 ore dopo l’avvio della contestatissima Zona a traffico limitato (Ztl) in piazza Roma, i negozianti tireranno giù le serrande per l’intera giornata. Una protesta che ha un unico obiettivo: fare annullare il provvedimento – varato dall’assessore alla Mobilità, Daniela Gerosa – che ridurrà i posti auto per i clienti dei negozi, sbarrando di fatto l’accesso al centro ai non residenti. Un piano che, per molti esercenti, ha già spalancato – durante i primi mesi di sperimentazione – un enorme buco nero capace di risucchiare parte del fatturato.

Un crollo del giro d’affari che, per alcuni, potrebbe addirittura equivalere alla chiusura delle attività. A mettere la firma sul documento preparato dal coordinamento «Como di tutti», sono già in 50 e la cifra è destinata a crescere. La chiusura lascerà inoltre a casa per un’intera giornata anche decine di dipendenti dei vari negozi con una perdita quantificabile in migliaia di euro. E a fermarsi non saranno i soli negozianti di piazza Roma, ma anche quelli di piazza Duomo (in 5 hanno già aderito), piazza Cavour e, risalendo, anche numerosi spazi commerciali della “vasca”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.