Piazza Volta, primi segnali di tensione

alt

Tra 10 giorni l’annunciato avvio della rivoluzione viabilistica nel centro del capoluogo. I commercianti sono già in allarme

(f.bar.) Segnali di fumo in arrivo da piazza Volta. I commercianti sentono approssimarsi lo scontro e lanciano una richiesta d’aiuto. Tra 10 giorni, infatti, anche in questa zona di Como scatterà l’ampliamento della Zona a Traffico Limitato (Ztl) e gli esercenti tremano.
L’invocazione viene subito raccolta dal popolo di piazza Roma con un primo atto simbolico. Lunedì sera, dopo l’appuntamento fuori dal Comune caratterizzato questa volta dalla presenza di un musicista che intonerà il

“silenzio”, ci si sposterà proprio in piazza Volta.
«Qui avvieremo le procedure del referendum popolare per far esprimere le persone sull’opportunità della Ztl. Abbiamo scelto questo posto anche per raccogliere il malcontento della piazza e stringere alleanze», dice il consigliere di Adesso Como, Alessandro Rapinese, coordinatore del comitato Como di tutti, da mesi in lotta contro la Ztl in piazza Roma. E in effetti, ieri mattina in piazza Volta l’umore dei commercianti non era dei migliori. Non rincuora pensare che anni fa questa piazza altro non fosse che un grande parcheggio. «Erano altri tempi, c’erano in giro meno macchine. E in ogni caso, c’erano molti più parcheggi disponibili e certamente a prezzi modici», dicono in coro gli intervistati.
Il 17 marzo, va ricordato, il provvedimento verrà attivato nelle vie Grassi e Garibaldi, dove i parcheggi diventeranno gialli, mentre in via Rubini sarà istituito il doppio senso di circolazione, eliminando gli attuali stalli. Sempre in piazza Volta (zona Jasca), resteranno alcuni stalli blu. In seguito, la Ztl comprenderà anche via Rubini e piazzetta Jasca.
«Purtroppo il problema è a monte. Ben venga una pedonalizzazione, ma ben fatta. E non è questo il caso. Qui si riproporrà una piazza Roma 2. Niente servizi, parcheggi assenti e noi a soffrire», dice Roberto Rigamonti del Panino Buono.
«Il nostro timore è che si ripeta, nel giro di pochi mesi, quanto stanno vivendo i nostri colleghi di piazza Roma. Senza infrastrutture adeguate e senza la possibilità di arrivare con l’auto, i clienti andranno altrove. Per noi ci sarà un calo degli affari», aggiunge Chiara Cetti del negozio Covert.
«Alcuni clienti hanno già manifestato il loro disappunto per l’imminente rivoluzione. Proveranno ad arrivare, a cercare magari un posto vicino. Ma se dovesse iniziare a diventare troppo complesso raggiungerci, se ne andranno altrove. È ciò che succede in piazza Roma. E non ci dicano che un tempo questa zona era un parcheggio. Un tempo non c’erano tutte queste auto in circolazione. E parcheggiare non aveva costi proibitivi», dice Sara Ciccone del negozio My Pet Folies.
«A 100 metri da qui la città è deserta. E tra poco cosa succederà in piazza Volta? Stiamo vedendo una trasformazione, come quella in corso in piazza Roma, che sinceramente ci intimorisce – spiega la dottoressa Valeria Lietti, della Farmacia Popolare – Ho già ricevuto telefonate di clienti che mi domandano se è ancora possibile arrivare da noi in auto. È un problema sempre più concreto».
«Come se non bastasse la recente revisione delle tariffe in città, è stato alzato in maniera assurda il costo dei parcheggi», aggiunge Anna Caldera.
«Il problema è che il Comune non dà alternative alla chiusura. Dove sono i parcheggi? Perché non utilizzare l’area ex Danzas? Parlano di città turistica, ma qui non ci sono neanche i bagni pubblici. Non scherziamo», dicono in coro Magda Peroni e Rita Baruffaldi dello Sugar Coffee Point. Intanto domani sera alle 20.15 nuova manifestazione fuori dal Comune di Como del comitato Como di tutti. «Il presidente del consiglio comunale, Franco Fragolino, ha negato l’utilizzo della sala capigruppo nel cortile di Palazzo Cernezzi per presunti motivi di sicurezza – dice Rapinese – La giunta si sta sempre più arroccando nel palazzo».

Nella foto:
Ancora pochi giorni e anche piazza Volta cambierà completamente dicendo addio alle auto (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.