Pioggia battente e prudenza. «Ma per i saldi si spende»

altEsordio senza il botto ma con vendite sostenute ieri a Como
L’attesa è finita. Sono partiti ieri i quanto mai bramati saldi invernali e i comaschi non si sono tirati indietro.
I negozi del centro hanno visto sfilare, sin dal mattino, moltissimi acquirenti alla ricerca dell’affare. C’era, però, un ostacolo in più alla già abbastanza accanita competizione per accaparrarsi i migliori capi in offerta: il meteo. Una pioggia insistente e fastidiosa, infatti, ha fatto da cornice ai tradizionali “dentro e fuori” dai negozi, e l’ombrello, da fedele

compagno di viaggio, si è trasformato in un intralcio. Secondo molti negozianti interpellati, proprio il clima sfavorevole ha impedito un maggior afflusso di gente già dall’orario di apertura degli esercizi, ma con il passare della giornata Como, nonostante la pioggia non accennasse a diminuire, si è comunque popolata.
Indagando tra esercenti e compratori, però, i pareri sulla prima giornata della corsa all’acquisto intelligente si sono rivelati discordanti. Come dice Nadia Mohamed, commessa in un negozio di abbigliamento specializzato in cachemire: «Il cattivo tempo, in effetti, non ci voleva, ma gli articoli con i ribassi maggiori, quelli al 50%, si stanno vendendo bene. Su tutto, sicuramente la maglieria, un grande classico».
Proprio la percentuale di sconto si rivela decisiva e lo conferma Martina Gargioni dal negozio di moda dove lavora: «Noi siamo partiti con il 30% di sconto su tutto, ma i clienti vogliono il 50%. Sanno che prima o poi dovremo arrivarci e per questo aspettano». Nonostante ciò, Martina ritiene «positivo l’andamento complessivo delle vendite», poiché, afferma, «la gente aspettava molto questa prima giornata di sconti ed è vogliosa di comprare».
Camminando per le vie del centro, ieri si notavano molte donne cariche di buste e di pacchi e una vera e propria folla fuori dai negozi di intimo. Barbara Bernasconi, impiegata a caccia di saldi, sfoggia l’ultimo acquisto del genere: «I prezzi erano davvero favorevoli, ho trovato un bellissimo pigiama e non ho resistito». C’è addirittura chi, come Stefania Beltramini, impiegata, si è lasciata attrarre dalle occasioni che ha trovato sulla strada degli sconti: «Non ero partita assolutamente con l’idea di comprare, ma mi sono dovuta ricredere». I pacchi che ha in mano, in effetti, lo dimostrano.
Ci sono poi habitué che vanno a colpo sicuro, come Fabrizio Gatti, operaio. Per il secondo anno ha sfruttato la prima giornata di saldi per comprare vestitini e felpe per la sua bambina e, beh, non poteva mancare neanche un regalo per la moglie: «Non mi sembra ci sia tantissima gente, forse anche a causa della pioggia – ci dice – ma le occasioni ci sono ed io sapevo già cosa volevo acquistare». Non tutti, però, la pensano così. Michela Corbo, studentessa, si dice «delusa» da quello che ha visto: «Nonostante gli sconti, i prezzi restano troppo alti, non vale la pena acquistare ora. Preferisco aspettare che ci sia un maggiore ribasso, intanto andrò a fare un giro nei centri commerciali svizzeri». Quella di Michela non è l’unica voce fuori dal coro, tanto che anche alcuni commercianti, seppur ottimisti sulla mole di vendite, hanno riscontrato una limitata voglia di spendere nei consumatori. Per Patrizia Baietti commessa in un negozio di scarpe, ad esempio, «i saldi erano sì molto attesi, ma c’è un po’ di titubanza nello spendere». Daniela Surianello, al lavoro in una grande catena di abbigliamento del centro, predica invece «positività per i risultati di quest’anno, soprattutto per maglioni e t-shirt». Insomma, i saldi sono partiti tra un misto di diffidenza e maltempo, ma per chi deve comprare il periodo favorevole resta questo e nei prossimi giorni ci si aspetta il boom degli acquisiti. D’altronde c’è tempo fino al 4 marzo e per giunta molte famiglie sono ancora in vacanza. La vera speranza di tutti è che torni a splendere il sole. Su Como e sui portafogli dei suoi cittadini.

Edoardo Testoni

Nella foto:
Su tutte le vetrine dei negozi sono apparsi i grandi adesivi promozionali per i saldi (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.