Playoff nel girone A, volata tutta da vivere

Ingrandisci !Calcio: lo sprint per gli spareggi rimane il tema di maggiore interesse fino al termine della regular season
Una giornata di campionato, l’ultima disputata nel girone A di Prima Divisione, che ha definito – anche se manca il conforto della matematica – i verdetti che riguardano il campionato. Il quadro è già scritto, a meno di clamorosi ribaltoni. L’unica lotta aperta è quella che definirà la griglia dei playoff di fine stagione.
Al termine della regular season, mancano

5 turni e dunque i punti a disposizione sono 15. In testa la Virtus Entella, a quota 53, con ben 9 lunghezze di vantaggio sulla seconda, la Pro Vercelli.
Ai playoff andranno le squadre piazzate dal secondo al nono posto. E in questo momento la nona, l’AlbinoLeffe (che domenica a Como ha pareggiato 2-2) ha sei lunghezze di vantaggio su una Feralpi Salò che pare avere deposto le armi.
Il tema più interessante, a questo punto, è la griglia dei playoff, visto che in B andrà la prima – che sarà la Virtus Entella, a questo punto – con la vincente degli spareggi.
Nei quarti ci sarà una partita unica, sul campo della compagine meglio classificata. L’abbinamento sarà tra seconda e nona, terza e ottava, quarta e settima, quinta e sesta. Con la classifica attuale è possibile fare una proiezione tenendo conto che, con tre squadre appaiate alle spalle del Como al sesto posto, serve fare la classifica avulsa (quella dei confronti diretti fra di loro, ossia, Savona, Venezia e Alto Adige), anche se manca ancora una partita (Alto Adige-Savona) per completare il quadro. Con il calcolo risultati finora ottenuti, la graduatoria avulsa dice che il Savona andrebbe considerato 6°, il Venezia 7° e l’Alto Adige 8°.
Gli abbinamenti dei quarti sarebbero dunque, se il torneo finisse oggi, Pro Vercelli-AlbinoLeffe e Como-Savona, da una parte del tabellone, e dall’altra Vicenza-Alto Adige e Cremonese-Venezia.
Dalla semifinale, ci saranno i match di andata e ritorno, come pure nella finalissima. Si giocherà sempre la seconda partita, quella decisiva, sul campo della formazione che si è meglio piazzata nel corso della regular season. In caso di parità ci saranno sempre supplementari e calci di rigore.
Una novità visto che finora, dopo i supplementari, non erano previsti rigori ma veniva promossa la formazione meglio piazzata nella classifica della regular season.
Se finisse oggi il torneo, dunque, il Como sarebbe destinato a ritrovare nella prima sfida dei playoff il Savona, guidato da mister Ninni Corda.
Ma, a cinque giornate dalla fine, tutto è ancora da decidere e molto dipenderà anche dalla motivazione delle squadre che sono fuori da ogni gioco visto che, come è noto, non sono previste retrocessioni. Una fra queste è la Reggiana, che domenica prossima attende gli azzurri.

Massimo Moscardi

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.