Cronaca

POCA AUTOREVOLEZZA E TROPPO LASSISMO

di GIORGIO CIVATI

Allarme bullismo e ruolo delle famiglie
Così giovani, eppure troppo spesso così violenti. Con se stessi a volte e più spesso con gli altri: adulti, educatori ma anche coetanei.
Sono i giovani, i nostri ragazzi, che a volte appaiono lontani anni luce da come ce li immaginavamo: bulli, li si chiama, per identificare un atteggiamento sempre più diffuso, anche a Como, che assomiglia alle gang da film che spadroneggiano, incutono timore, spaventano.
Solo che non è un film, è la realtà. Anche la nostra realtà, quella di una

Como all’apparenza tranquilla, e per altri inaspettata, incomprensibile.
La Como che non ci si aspetta è appunto anche quella delle baby gang, delle angherie tra giovani e giovanissimi, della violenza – non sempre fisica, ma pure quella psicologica non è meno pesante – che emerge a volte in classe, magari all’oratorio, spesso per strada.
Giovani e violenti, dunque. Ma certo non solo, perché non è necessario essere fini psicologi per capire che questi atteggiamenti in realtà nascondono insicurezza, che la violenza cela debolezza, che il bullismo riempie altri vuoti. Familiari, sociali, culturali. E allora, se tra gli adolescenti il bullismo aumenta, non può e non deve essere una questione sociale astratta, tanto importante quanto teorica, lontana e fumosa. Intendiamoci, è pur vero che la società ci mette del suo, che questo mondo non è certo il migliore dei mondi quanto a esempi educativi o a senso morale. Ma non dimentichiamo che i giovani che tiranneggiano altri ragazzini, i bulli di periferia o del centro storico, sono anche e soprattutto figli nostri. Messi a vivere in un mondo che magari avrebbe dovuto essere migliore, ma che noi abbiamo loro consegnato così. Insomma, se ci sonio giovani bulli, qualche responsabilità è anche dei padri e delle madri. Loro, i giovani, assorbono in grande quantità stimoli, pensieri, modi di essere e di agire. Se poi il bullismo dilaga, significa evidentemente che hanno assorbito qualcosa di negativo. Anche da noi. Naturalmente, le giustificazioni possono essere mille. I genitori di oggi, adolescenti negli anni ’70, avevano padri e madri per lo più lontani, rigidi, autoritari. Il cambiamento senza però una strada segnata ha portato, oggi, a un esagerato lassismo, a una mancanza di autorevolezza. E poiché ricette non ce ne sono, ai genitori di oggi non resta che continuare a combattere la battaglia dell’educazione e della formazione della personalità di un figlio.
È la battaglia più dura, ma anche quella che più di ogni altra merita il massimo impegno e la massima applicazione.

23 marzo 2010

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto