Pochi asfalti e nessuna grande opera. Il piano dei lavori pubblici è povero

alt

Conti e cantieri
Nel 2014 il Comune potrà investire 6 milioni per l’intera città

Un piano delle opere pubbliche ridotto al minimo, senza alcun volo pindarico e con una lunga serie di interventi medio-piccoli.
Questo è il sunto del documento proposto dall’assessore ai Lavori pubblici, Daniela Gerosa, e approvato ieri dalla giunta. Nel programma, che è già disponibile sul sito del Comune di Como, sono inseriti tutti i lavori di importo superiore ai 100mila euro.
L’approvazione definitiva avverrà in consiglio comunale con l’approvazione del

bilancio preventivo.
Per il 2014, sono previsti investimenti per un totale di 6 milioni e 800mila euro, mentre sul triennale, la cifra (del tutto teorica, con così grande anticipo) sale a quasi 18 milioni di euro. Nell’elenco per l’anno in corso, figurano interventi per la sistemazione straordinaria dei marciapiedi (150mila euro l’importo, 470mila euro il totale 2014-2016), 700mila per gli asfalti (un milione e 600mila euro il totale 2014-2016), per la manutenzione straordinaria degli impianti di illuminazione (150mila euro l’importo per il 2014; 410mila euro il totale 2014-2016), per la manutenzione straordinaria della pavimentazione del centro città (150mila euro per quest’anno, 610mila euro il totale 2014-2016).
Nel pieno delle polemiche per la nuova Ztl, l’esecutivo ha comunque dato un segnale in direzione del recupero architettonico di un’area appena pedonalizzata, piazza Grimoldi. Per la sua riqualificazione, collegata a quella di via Pretorio, sono stanziati 450mila già quest’anno.
In tema di viabilità, per gli interventi di mobilità sostenibile, nel 2014 saranno investiti 200mila euro (600mila euro il totale 2014-2016), per la manutenzione straordinaria del verde pubblico 200mila, per la “stazione” delle biciclette a Como Borghi 160mila euro (di cui 130mila euro finanziati dalla Fondazione Cariplo).
Vi è poi il capitolo del patrimonio comunale. Per i lavori di manutenzione straordinaria delle case comunali la giunta, per il 2014, ha messo in previsione una spesa di 440mila euro (840mila euro il totale 2014-2016), per le scuole un milione e 230mila euro (due milioni e 300mila euro il totale 2014-2016), per i muri a lago del Lido di Villa Geno 200mila euro (400mila euro il totale 2014-2016).
In elenco figura anche la riqualificazione e la valorizzazione del portico del Broletto per l’allestimento di un punto di informazione turistica (250mila euro l’importo per il 2014; 450mila euro il totale 2014-2016). Questi lavori, definiti assieme agli albergatori, saranno finanziati attraverso l’imposta di soggiorno.
«Il programma prevede una serie di interventi ma, di fatto, la situazione del bilancio ci imporrà delle scelte – commenta l’assessore ai Lavori pubblici, Daniela Gerosa – Le nostre priorità saranno scuole, case e strade e quindi faremo di tutto per aprire questi cantieri. Il piano prevede particolare attenzione anche ai lavori di completamento della rete fognaria, che se non fossero ultimati potrebbero portare l’ente ad essere sanzionato».
«La situazione è difficile – sottolinea il sindaco Mario Lucini – e il piano delle opere che abbiamo approvato ne è una prova. I Comuni operano in situazioni estreme ed è necessario e urgente che il governo intervenga per modificare i parametri del patto di stabilità e quelli del fondo di solidarietà. Como ha i conti in ordine ma il patto di stabilità ci strozza. Per il 2014 la forbice che dovremo garantire è stata addirittura aumentata e portata a 10 milioni di euro. Quanto alla quota dovuta per alimentare il fondo di solidarietà, il Comune di Como nel 2013 ha versato 8 milioni e 800mila euro. Per il 2014 i criteri non sono ancora stati quantificati ma non ci aspettiamo nulla di buono».

Nella foto:
Quest’anno, per il capitolo degli asfalti, il Comune avrà a disposizione soltanto 700mila euro. Pochi per tappare le buche presenti in città

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.