Polveri sottili in calo nonostante i fuochi d’artificio di Capodanno

I fuochi d’artificio dell’ultimo dell’anno a Como (foto Tb)

Il temuto effetto “fuochi d’artificio” non c’è stato. Nella giornata di Capodanno, i botti sparati nella notte per festeggiare l’arrivo del nuovo anno hanno avuto un effetto del tutto irrilevante sulle concentrazioni di polveri sottili disperse nell’aria. I valori delle Pm10 sono anzi scesi in tutti e tre i punti monitorati dall’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. Ieri a Como la centralina dell’Arpa ha registrato un livello di polveri pari alla soglia limite, cioè a 50 microgrammi di Pm10 per metro cubo d’aria, in calo di due punti rispetto al dato di domenica 31 dicembre. Flessione anche a Cantù, dove si è passati dai 49 microgrammi dell’ultimo dell’anno ai 40 di ieri. Pure a Erba le concentrazioni di Pm10 si sono ridotte, anche se di poco: da 38 a 37 microgrammi.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.