Ponte crollato, chiusa la strada: indaga la Procura di Lecco. Disagi per la viabilità in tutta la Brianza

Ponte Annone Brianza

La strada statale 36 resta chiusa in entrambe le direzioni nel tratto di Annone Brianza, nel Lecchese, dove venerdì scorso è crollato un ponte della provinciale 49. L’incidente ha provocato la morte di un uomo di 68 anni di Civate (Lecco) e il ferimento di quattro persone. Al momento non ci sono comunicazioni ufficiali sui tempi per la possibile riapertura al traffico della strada e la viabilità resta problematica in tutta la zona.
La Procura di Lecco ha aperto un’inchiesta per omicidio e disastro colposo, al momento senza indagati. Il magistrato ha disposto il sequestro del Tir che stava attraversando il cavalcavia al momento del crollo e dell’intera struttura. Toccherà agli ingegneri e ai periti nominati dagli inquirenti fare gli accertamenti necessari per verificare lo stato del ponte e chiarire perché si sia verificato il cedimento, accertando eventuali responsabilità. Anche il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio ha annunciato un’inchiesta e già nella tarda serata di venerdì ad Annone Brianza è arrivato per un sopralluogo il viceministro Riccardo Nencini.
Schiacciato dal ponte crollato all’improvviso, non ha avuto scampo Claudio Bertini, 68 anni, residente a Civate, nel Lecchese, sposato e padre di una figlia di 33 anni, ex professore di ginnastica e dirigente della sezione tennis della società sportiva Pro Patria di Sesto San Giovanni, nel Milanese. Stava tornando dal lavoro, come faceva ogni giorno, quando la sua vettura è stata travolta dal cavalcavia. Non sono fortunatamente preoccupanti invece le condizioni degli altri feriti, il conducente del camion, un autista bulgaro dipendente di una società di trasporti bergamasca e una famiglia lecchese, papà, mamma e una ragazzina di 12 anni, tutti trasportati dopo l’incidente all’ospedale di Lecco.
Sul fronte delle responsabilità, prosegue la polemica tra Anas e Provincia di Lecco, che già alle 14 avevano ricevuto la segnalazione di calcinacci sulla strada ad Annone Brianza. La strada statale 36 come detto resta chiusa in entrambe le direzioni con deviazioni a Nibionno e Suello Como Erba. Uomini e mezzi dell’Anas stanno lavorando con i vigili del fuoco e le forze dell’ordine per le operazioni di rimozione delle macerie del cavalcavia crollato. «Per stabilire i tempi di riapertura al traffico del tratto, sul quale transitano 80-90 mila veicoli al giorno – fanno sapere dall’Anas in una nota stampa – bisognerà attendere che la strada sia interamente liberata e verificare i lavori di ripristino della pavimentazione necessari».
Anna Campaniello

Articoli correlati