Porlezzese, minaccia la madre con un coltello e danneggia l’ambulanza

Il carcere del Bassone

Ha aggredito – armato di coltello e per l’ennesima volta – la madre. Ha ribaltato mobili e suppellettili della casa, incurante del tentativo di intervento del fratello. All’arrivo dell’ambulanza ha minacciato pure i medici del 118 e ha infranto un vetro della stessa ambulanza con una gomitata, rimanendo anche ferito e dovendo quindi farsi medicare dagli stessi sanitari che stava minacciando. Infine, non contento, ha inveito pure contro i carabinieri della compagnia di Menaggio che erano stati chiamati sul posto.

Tra le persone contro cui avrebbe rivolto la propria rabbia, ci sarebbe stato anche il padre. È finito al Bassone (nella foto) un 31enne del Porlezzese, di cui non forniamo altri dati a tutela della madre vittima da anni di aggressioni e angherie. Il pm Massimo Astori ha chiesto al giudice delle indagini preliminari di Como la convalida dell’arresto. L’interrogatorio verrà fatto nelle prossime ore.

Secondo quanto contestato dal pm, i maltrattamenti in famiglia continuerebbero fin dal 2016 in modo ininterrotto, fino appunto all’intervento (l’ennesimo) di queste ore. L’uomo era già stato arrestato in passato per fatti identici. Secondo il pm ci sarebbe un pericolo concreto di reiterazione del reato, con condotte che negli ultimi tempi, al posto che migliorare, sarebbero andate sempre peggiorando in un escalation di pericolosità dell’indagato dovuta anche, come detto, al frequente utilizzo di coltelli.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.