Poste: impatto Covid da marzo, -30% utile trimestre

Presto per stime 2020. Del Fante

(ANSA) – ROMA, 13 MAG – Poste Italiane vede la "performance finanziaria del 2020 impattata a marzo dal lockdown" ma conferma "i principali trend di lungo termine", e la "traiettoria strategica" del piano ‘Deliver 2020’ che è anzi "accelerata dai trend emergenti". L’impatto sui conti, da marzo, dell’emergenza Covid-19 pesa sul primo trimestre che si chiude con un utile netto pari a 306 milioni, in calo del 30,2% rispetto allo stesso periodo di un anno prima. Frena la redditività con un risultato operativo (Ebit) in calo del 28,6% a 441 milioni. Tiene il fatturato: -3% a 2,755 miliardi con una crescita dei ricavi da pagamenti e mobile e dai servizi assicurativi che ha mitigato i minori ricavi da servizi finanziari e corrispondenza. "Poste è un operatore di sistema; il nostro ruolo è diventato più importante e questo si tradurrà in un business più forte e sostenibile. Insieme, saremo all’altezza della sfida", commenta l’a.d. Matteo Del Fante. Per l’azienda è ad oggi "iimpossibile effettuare realistiche previsioni sull’evoluzione economica e finanziaria del gruppo nel corso del 2020" ma sottolinea che "ha affrontato la crisi ed è pronta ad affrontare il nuovo contesto facendo leva sulle sue caratteristiche di azienda sistemica, dorsale fondamentale per la continuità operativa del Paese, soprattutto nei momenti di emergenza". (ANSA).

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.