Cronaca

Poste, scuole, banche, pubblico impiego. Sarà un lunedì nero a causa dello sciopero

Astensione dal lavoro per 8 ore
“Un’altra politica economica e sociale è possibile”. È questo lo slogan scelto per accompagnare le 8 ore di sciopero indetto dalla Cgil di Como per lunedì 14 maggio. Poste, telecomunicazioni, scuole, banche, pubblico impiego ed edilizia sono i settori che si asterranno per l’intera giornata lavorativa. Gli altri comparti invece si fermeranno per 4 ore. I temi al centro dello sciopero sono ovviamente di natura economica. «Se si prosegue su questa strada caratterizzata da un rigore
fiscale fine a se stesso, si distruggerà la coesione sociale – spiega il segretario di Cgil Como, Alessandro Tarpini – I lavoratori ormai sono esasperati. La recessione dilagante, la tassazione esasperata, il credit crunch, le difficoltà a farsi pagare in tempi ragionevoli dalla pubblica amministrazione sono fattori ormai insostenibili per le imprese locali che continuano a morire».
In aumento nel nostro territorio anche «le aziende che chiudono all’improvviso per cessata attività». «Ditte che non avevano mostrato segni di cedimento ma che poi, stritolate dalla burocrazie e da un fisco sempre più pressante, non sopportano più il carico e preferiscono abbandonare», aggiunge sempre Alessandro Tarpini. Durante le ore di sciopero verranno allestiti presidi – dalle 8.30 alle 12.30 – a Como in piazza Boldoni, a Cantù in piazza XX Settembre, a Erba in corso XXV Aprile, a Lomazzo in piazza Mercato, a Menaggio in piazza Garibaldi e a Olgiate Comasco in via Milano. «Ogni giorno arrivano ai nostri sportelli decine di lavoratori e pensionati in difficoltà e senza ormai più niente da perdere. C’è anche il problema degli oltre mille esodati comaschi che dovrà essere affrontato seriamente. La situazione è critica. Non tralasceremo ovviamente l’articolo 18 e il necessario reintegro per i tutti i licenziamenti illegittimi», aggiunge il segretario Tarpini.
Intanto Asf ha fatto sapere che a Como e provincia il servizio di trasporto pubblico sarà regolare nelle fasce orarie di garanzia. Lo svolgimento di tutte le corse è assicurato prima delle 10 e poi dalle 14 fino al termine del servizio.
Per le partenze previste al di fuori di queste fasce orarie, potranno esserci alcune irregolarità a causa dell’astensione del personale viaggiante.

Fabrizio Barabesi

11 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto