Poste, sette su dieci scelgono il libretto

L’assegno mensile dei pensionati
Oltre 7 pensionati su 10 tra i circa 45mila che ogni mese ritirano l’indennità in uno dei 192 uffici postali del territorio provinciale hanno optato per l’accredito su un libretto postale della somma corrisposta. L’operazione si è resa indispensabile dopo l’introduzione dell’obbligo di avere un conto corrente in banca o in Posta per poter ricevere pagamenti di valore superiore a mille euro.
La novità, introdotta nell’ambito della manovra varata a dicembre dal governo Monti, aveva sollevato polemiche proprio perché rischiava di creare difficoltà ai pensionati, soprattutto a quelli più anziani, spesso abituati a ritirare la pensione in contanti. Banche e Poste si sono attivate facendo proposte ad hoc per gli anziani che non disponevano di un conto corrente o di un libretto bancario.
Ieri, le Poste hanno fornito un primo bilancio della situazione sul Lario. «Fra i 45mila pensionati comaschi che ogni mese ritirano il rateo agli sportelli postali – si legge nella nota – sono già oltre 33mila quelli che hanno scelto l’accredito gratuito sul libretto postale nominativo o sul conto corrente. Il dato corrisponde al 73%, una quota superiore rispetto alla media regionale, che si attesta al 71%. Per il libretto postale non ci sono spese di apertura e gestione, mentre per quanto riguarda il conto corrente, abbiamo azzerato le spese di tenuta per il 2012 per i pensionati che abbiano più di 65 anni che accreditano la pensione entro il 31 marzo sul conto BancoPosta Più».
Un’ulteriore tutela per i pensionati e non solo arriva dall’assicurazione gratuita contro i furti di denaro contante, una piaga che spesso colpisce proprio gli anziani nel momento in cui ritirano l’indennità mensile. La polizza, collegata all’accredito della pensione, garantisce una copertura fino a un valore massimo di 700 euro l’anno per eventuali furti di denaro contante avvenuti nelle due ore successive al prelievo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.