Precipita la qualità della vita in provincia. Il Lario perde 12 posizioni in due anni

altLa graduatoria del Sole 24 Ore
Pesano le poche imprese, le case troppo care e l’inflazione alta
(f.bar.) Una discesa inarrestabile. L’erosione in corso, evidenziata dalla classifica sulla “Qualità della vita” realizzata dal Sole 24 Ore, è paragonabile a un fenomeno carsico. Che continua a scavare, anno dopo anno, senza sosta. E così la provincia di Como, nell’edizione 2014 della ricerca elaborata dal quotidiano di Confindustria, scende al 48° posto. Sei posizioni in meno rispetto al 2013 quando occupava il 42° gradino, mentre nel 2012 era 36ª.
Il territorio comasco ha dunque perso per strada 12 posizioni nelle ultime tre edizioni del dossier del Sole 24 Ore, collocandosi, sul totale delle 107 province analizzate, a centro classifica. Il podio vede in testa, per la prima volta e grazie a un balzo in avanti di 5 posizioni, la provincia di Ravenna. Medaglia d’argento per Trento, che scende al secondo posto, e terza la provincia di Modena, in crescita di ben 10 posizioni.

La dettagliata graduatoria – arrivata alla 25ª edizione – analizza ben 36 valori, tra aree tematiche e differenti indicatori specifici, per arrivare alle pagelle finali che fotografano, nel loro complesso, la qualità della vita delle province italiane.
Rispetto al resto della Lombardia, Como, pur retrocedendo, si lascia alle spalle le province di Lecco (in 55ª posizione, con un calo di 10 posti rispetto alla precedente classifica), Varese (56ª), Cremona (57ª), Pavia (59ª). Ultima, tra i territori lombardi, così come nell’edizione passata, è sempre la provincia di Lodi (69ª), in calo di 4 posizioni.
Analizzando le singole voci, all’interno delle varie aree tematiche, sul territorio comasco emergono alcuni dati interessanti. Partendo dal comparto “Affari e lavoro” (in cui la nostra provincia è al 45° posto), la situazione è altalenante. Da un lato continua a crescere la percentuale dell’export lariano che tocca il 38,67% sul totale del Pil lariano (dato che colloca Como al 28° posto) rispetto al 34,59% della rilevazione precedente. Decisamente elevato anche il tasso di occupazione, pari al 64,39% (21ª posizione).
Si sposta invece verso il basso l’indice che esamina lo spirito d’iniziativa. In questo comparto specifico, infatti, le imprese registrate ogni 100 abitanti (i dati sono aggiornati al mese di settembre del 2014) sono 8,15. Numero che confina il Comasco al 98° posto su 107 province. Nella rilevazione dell’anno precedente l’indice era pari a 8,40. Peggio di Como, in territorio lombardo, risultano Varese, al 101° posto (7,97 imprese registrate), Lecco (102ª posizione con 7,87) e Lodi, 106° posto con 7,55 imprese registrate.
Infine, in materia di imprenditori tra i 18 e i 29 anni, Como è in 72ª posizione con 41,86 soggetti ogni mille giovani (rilevamento fermo al 2013).
Nella graduatoria riguardante il “Tenore di vita” (area in cui Como perde posizioni e si attesta al 54° posto, in calo di ben 14 posizioni rispetto al 2013), si può notare come il valore aggiunto pro capite corrisponde a 22.967 euro, dato che ci colloca in 49ª posizione (8 in meno del passato). Decisamente alto, invece, il patrimonio medio delle famiglie che sul Lario si assesta a quota 434.027 euro, corrispondente al 18° posto.
Cresce, e non di poco, l’importo medio della pensione che passa da 887,25 a 1.086 euro (ultimi dati del 2013), valore che piazza Como al 20° posto in Italia. Decisamente elevato l’importo dei consumi per famiglia, pari a 2.359 euro (8ª posizione).
Sempre nella stessa area, la provincia occupa una posizione decisamente bassa, la 92ª, in relazione al prezzo di una casa in zona semicentrale, con circa 2.600 euro al metro quadrato.
Male anche il valore dell’inflazione, pari al 2,08% (dato relativo al 2013), un indice che colloca il Lario al 104° posto.
Tornando infine alla graduatoria generale, resta da precisare che in fondo alla classifica vi sono le province di Foggia, al 105° posto, Reggio Calabria, al penultimo, e quella di Agrigento sul gradino più basso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.