Prende un furgone sanitario per raggiungere la fidanzata a Cucciago: denunciato

caserma Carabinieri di Cantù

Ha preso un mezzo per il trasporto dei dializzati, simile a una ambulanza, per andare a trovare la fidanzata a Cucciago. Pensava così di “salvarsi” dai controlli sul territorio per impedire spostamenti immotivati. E il suo piano aveva sortito effetto. Ma i vicini di casa della donna hanno avvisato le forze dell’ordine, che sono intervenute.

Nei guai, accusato di peculato – oltre che dell’articolo 260 del Regio Decreto 1265 del 1934, che colpisce l’inosservanza “di un ordine legalmente dato per impedire l’invasione o la diffusione di una malattia infettiva dell’uomo” – è così finito un 41enne di Milano, che aveva raggiunto la ragazza 32enne a Cucciago. Sul posto sono arrivati i militari dell’Aliquota Radiomobile del Nor della Compagnia di Cantù.

Il mezzo di trasporto era proprietà di un consorzio, avente una delle sedi operative a Meda, da cui era partito l’uomo poi denunciato. Quando i carabinieri sono sopraggiunti hanno trovato i due fidanzati ancora nei pressi dell’ambulanza, con lui in uniforme da soccorritore.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.