Presentata la rivista trimestrale per gli ospiti russi del Lario

altL’iniziativa editoriale

La Russia chiama e il Lago di Como risponde attraverso la sua numerosa comunità che vive tra Milano, Lugano e Como.
Megafono dell’iniziativa Ozero Komo, un nuovo trimestrale, rigorosamente scritto con caratteri cirillici, che racconterà le meraviglie del Bel Paese su carta patinata e con il tipico glamour delle riviste di peso.
La prima uscita, presentata ufficialmente ieri all’Hotel Palace di Como e già presente alla Borsa Internazionale del Turismo, in svolgimento in questi giorni

a Milano, verrà poi esibita in altre situazioni, con un calendario serrato, al fine di permettere agli oltre 5.000 russi che da tempo hanno deciso di trascorrere la loro vita sul territorio e a tutti quelli che vorranno visitarlo in futuro,  di progettare un soggiorno da mille e una notte.
Editore e direttore responsabile del magazine è Tatiana Rykoun – guida turistica accreditata, di origine moscovita, sposata in Italia e grande conoscitrice del nostro patrimonio paesaggistico. L’idea è proprio di creare cultura e fornire all’indotto pagine dettagliate e precise, studiate e personalizzate diversificando gli itinerari anche in base alle singole esigenze, sopperendo con  questo nuovo strumento cartaceo le mancanze di informazioni in lingua che hanno caratterizzato fino ad oggi altri progetti.
«In 17 anni di attività – afferma Tatiana – ho conosciuto l’Italia e quanto sia in grado di interessare con le sue bellezze il turista russo. Questo popolo è grande estimatore dello stile italiano, ma, spesso, non ha trovato il messaggio giusto. La rivista Ozero Komo è quindi lo strumento per comunicare in modo semplice e chiaro le istruzioni per l’uso per vivere qui. Si parlerà di moda, ma con un occhio di riguardo a un mercato differente dal resto d’Europa e dal mondo in genere; di cibo, una componente importante per chi arriva in Italia, di arte, di architettura, persino di lifestyle, di lusso e di viaggi, senza dimenticare di approfondire le tradizioni locali».
In questo primo numero si raccontano nobili famiglie che hanno scelto il Lago di Como e si  viaggia nella storia e nel mondo dei vip. Si rivelano i particolari nascosti del Duomo, le vicende bicentenarie del Teatro Sociale, le tendenze dettate dalle recenti sfilate. Spazio anche alla città di Lugano, al Ticino più in generale e alle opportunità di business.
 Ozero Komo verrà distribuito anche in Russia attraverso gli operatori turistici e le agenzie di viaggio delle città più importanti. Una nuova occasione di sviluppo per l’economia del Lago di Como che continua ad affascinare tutti senza confini.
E forse un nuovo stimolo per mostrare un territorio sempre “in abito da sera”.

Maurizio Pratelli

Nella foto:
Una nuova iniziativa editoriale racconterà il Lago di Como in caratteri cirillici

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.