Presentati “Lombardia” e Gran fondo 2018. Niente Valfresca, sarà percorsa tutta via Bixio

Giro di Lombardia 2018

Partenza da Bergamo e gran finale sul lungolago di Como. Ritorna il grande ciclismo sulle strade del Lario. Il 13 ottobre si svolgerà infatti la 112esima edizione del Giro di Lombardia, presentata questa mattina a Villa Olmo. La “corsa delle foglie morte”, ultima “classica-monumento” della stagione, ricalca il percorso del 2017, con una modifica nel finale, dovuta alla chiusura della Valfresca. Tra gli intervenuti alla presentazione, Mauro Vegni, direttore ciclismo Rcs Sport, Stefano Allocchio, direttore di gara e Andrea Trabuio, di Rcs Active Team. Si è parlato solo del Giro di Lombardia; “no comment” generalizzato rispetto alla candidatura di Como per ospitare un arrivo di tappa del Giro d’Italia 2019. Segno che forse non tutto stia andando per il verso giusto, come testimonia anche la clamorosa assenza alla conferenza stampa, programmata da tempo, di Simona Rossotti, l’assessore che in tempi recenti ha portato avanti la proposta.

Il percorso conta circa  4mila metri di dislivello in totale. La prima salita da affrontare nel Comasco è quella della Madonna del Ghisallo, il colle sacro dei ciclisti, e subito dopo il durissimo Muro di Sormano. Superata la Colma si scende a Nesso per proseguire fino all’ingresso di Como dove verrà affrontato il colle di Civiglio. Al rientro in città nel 2017 si scalava la Valfresca verso San Fermo della Battaglia; ora, invece si proseguirà da via Nino Bixio fino alla rotatoria di via Camozzi dove si incontrerà la discesa del percorso originario, via Bellinzona. Da qui l’arrivo, come lo scorso anno sul Lungo Lario Trento e Trieste e l’apoteosi in piazza Cavour: un traguardo dove in tempi recenti hanno trionfato campioni del calibro di Paolo Bettini, Damiano Cunego, Philippe Gilbert e Vincenzo Nibali, primo nel 2015 e nel 2017.

Il giorno dopo il “Lombardia” andrà invece in scena l’omonima Gran fondo, che scatterà da Como e si chiuderà a Civiglio, per non impattare troppo sulla città: a un mese dal via, gli iscritti sono già pari a quelli dello scorso anno, circa 1.400, con il 47% di stranieri. In queste ultime settimane ci sarà dunque un incremento, con numeri ancora più importanti.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.