Preso ladro di abiti e di cellulari

alt Giovane marocchino nei guai
Prima si è rifatto il guardaroba alla Coin di via Boldoni, a Como, senza passare dalla cassa. Poi è salito su un autobus di linea e ha rubato i due telefoni cellulari dell’autista. Intercettato dalle volanti della questura, il ladro, un giovane marocchino, è stato bloccato e arrestato. Processato ieri, è stato condannato a 8 mesi di reclusione e rinchiuso al Bassone.
L’episodio risale alla tarda serata di sabato scorso. Tra Albate e Muggiò, tre giovani stranieri sono saliti a

bordo di un autobus di linea, in quel momento vuoto, e si sono diretti verso le ultime file del mezzo. L’autista li ha chiamati, chiedendo loro di mostrare il biglietto. Mentre due dei giovani discutevano con il conducente, il terzo con un gesto furtivo ha rubato i cellulari del dipendente di Asf prima di scendere rapidamente, seguito dagli amici. Fatti pochi metri, l’autista si è accorto del furto dei cellulari, ha bloccato l’autobus e ha provato a inseguire i tre. Chiedendo il cellulare a un passante, ha allertato la questura. A Muggiò, in pochi minuti, sono arrivati gli agenti delle volanti. I poliziotti hanno chiesto all’autista una descrizione dei tre malviventi e hanno avviato le ricerche della banda, bloccata poco dopo nella zona di via Canturina. Braccato dagli agenti, il marocchino che aveva rubato i cellulari ha gettato a terra i telefoni, poi recuperati e restituiti al proprietario.
I ragazzi sono stati accompagnati in questura e il giovane che aveva rubato i cellulari è stato arrestato. Insospettiti dall’abbigliamento dell’immigrato – capi nuovi di zecca, addirittura con qualche cartellino ancora attaccato – i poliziotti hanno fatto ulteriori accertamenti e hanno scoperto che il ragazzo, prima di salire sul bus, aveva fatto visita alla Coin di via Boldoni. Visionando i filmati delle telecamere interne di sicurezza, gli agenti hanno accertato che il marocchino era entrato in un camerino con i suoi vecchi abiti ed era uscito in tenuta completamente diversa, con capi nuovi, comprensivi di un giaccone da 430 euro (in saldo con sconto del 30%). Come detto, è stato condannato a 8 mesi di reclusione.

Anna Campaniello

Nella foto:
Il grande magazzino Coin di via Boldoni a Como, “visitato” sabato dal ladro

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.