Prestiti a tassi d’usura: condannato a tre anni

VITTIME DUE PICCOLI IMPRENDITORI
(m.pv.) Condannato a 3 anni di reclusione per usura e al risarcimento delle due vittime con una provvisionale di 20mila euro a testa, più 5mila euro per l’associazione Sos Italia libera costituita parte civile al processo. È questa la decisione del Collegio del tribunale di Como in una vicenda in cui a finire sul banco degli imputati è stato un varesino al quale si erano rivolti i due (un idraulico e un elettricista) in difficoltà economiche.

Il pm Antonio Nalesso, nella sua requisitoria, ha sottolineato come le vittime fossero «gente sana, che non aveva vizi», ma che per cause di lavoro si erano trovate in difficoltà. Fino a chiedere soldi a quell’uomo che era poi diventato il loro aguzzino. L’accusa aveva chiesto una condanna a 4 anni e 10 mila euro di multa. Il collegio ha deciso per 3 anni.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.